Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-12 f-96 k1-16a k2-26 18 a-monte

Zero e port’a zero

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Pallottoliere

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’ ch’he fa’ cu’ ’stu pallottoliere?
Giggino –  M’aggie allena’.

SR – Allenare? …E che devi fare una maratona?
Gg – Qua’ Maradona, a me ’u pallone nun m’è mai piaciùt’.

SR – Sì vabbuò! A cosa devi partecipare?
Gg – Eeh, ’a quanno hanne cacciàt’ i salumieri fausti, nun s’è capito cchiù niente!

SR – Madonna Gigi’, e chi so’ ’sti salumieri fausti mò? Che vuoi dire?
Gg – I salumieri fanno i conti?

SR – E sì, come tutti i commercianti.
Gg – Cierti salumieri nun sann’ fa’ i cunt’ e so’ fausti.

SR – Allora sono falsi salumieri?
Gg – Nun’è proprio accussì, ma vabbuon’ ’u stess’.

SR – E allora?
Gg – E allora, siccomme ca nun ce stanno capenn’ chiù niente, hanno decìs’ ’i cerca’ cocchedune che conta. Insomma… comm’e ’nu concorzo.

SR – Ma ‘che conta’ nel senso che sa contare o ‘che conta’ nel senso di importanza?
Gg – Tutt’e doie …E pure cocc’ose ’i cchiù.

SR – ’I cchiù?
Gg – Che conta, che fa i cunt’ e che sàpe fa’ pure i miràcul’.

SR – Eeeh, sempre più difficile. E tu pensi di superare la prova con il pallottoliere?
Gg – I’ ce prove. Accà fanno tutt’ i prefessure e i diebbete cresceno semp’ ’i cchiù.

SR – Ma almeno usa una calcolatrice elettronica: è più comoda e affidabile.
Gg – Ma quand’ maie!? Minicuccie ha fatt’ i cunt’ cu’i palle pe’ uttant’anne senza se sbaglia’ mai ’i ’nu centesimo..! Tienatella tu ’a caccolatrice.

SR – Dimmi del concorso.
Gg – E bell’iss’: accussì me futt’ ’u posto.

SR – Ma quale posto? Da te se po’ mai sape’ qualcosa? Fai l’amico con tutti tranne che con me. Bella chiavica che sei!
Gg (sottovoce) – Shhh! Chisti ccà stann’ cercando cocchedune capace ’i pareggià ’u bilancio. Nisciuno ce capisce niente. Intanto i meliùn’ ’i diebbiti so’ passate a cinche. Chest’è.

SR – E tu che vuliss’ fa’? Vuoi pareggiarlo tu c’u pallottoliere?
Gg – N’ata vota mò?  Fatt’i cazz’ tuoi: l’importante è ’u risultato finale, no comme l’aggie ottenuto.

SR – Secondo me la faccenda è così imbrogliata che per risolverla ci vorrebbero le palle, non il pallottoliere.

(Qualche giorno dopo)

SR – Allora? Scommetto che hai fatto ’na figura ’i merda formidabile c’u concorso.
Gg – E invece no! L’incarico me l’hann’ dat’a mme!

SR – Azz! E comm’è stato?
Gg – Aggio pigliato tutt’i carte, aggio fatt’ ’nu muntone e l’aggio appicciàt’… e po’ aggie fatt’ i cunte.

SR – Primma he appicciate ‘i carte e poi hai fatto ’i conti? Cos’i pazze! E come hai fatto a fare i conti?
Gg – Accussì! …Zero più zero, uguale zero e port’a zero; zero per zero, uguale zero e port’a zero; zero meno zero, uguale zero e port’a zero; zero diviso zero, uguale zero e port’a zero.

SR – Incredibile. Ma chi ti ha dato l’incarico?
Gg – Uno tutte pelato, cu’ ‘nu sigarie mmocca e c’all’uocchi ’i pazze… M’ha ditto: “Ahooo! …e bravo er cafone! Questi qua co’ tre lauree fanno usci’ solo debbiti… tu se’ stato perfetto! Hai portato tutto a zero e hai pareggiato er bilancio senza capi’ un cazzo!”

Venerdì pesce

Flintstones

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.