Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-33 i-28 v3-11a ss12 000086_b Immagini storiche di Ponza

Partecipazioni e ringraziamenti dalla famiglia Sandolo-Iodice

Condividi questo articolo

di Emilio Iodice

 

Secondo l’uso tutto americano (peraltro ammirevole) di partecipare i messaggi degli amici più cari, sia per le Festività che per le Condoglianze, Emilio ci invia una mail in cui ha raccolto alcuni dei messaggi (di cordoglio e di risposta) ricevuti nella triste occasione della scomparsa della sua cara Mamma.
Lo ringraziamo per aver voluto associare i lettori di Ponzaracconta e la Redazione a questa sua esternazione e pubblichiamo  il testo inglese seguito dalla nostra traduzione dei messaggi.

Un abbraccio a Emilio e Famiglia
La Redazione

Zia-Lucia-Sandolo

 

[In italiano nel messaggio originale]

From: Paolo Roncaglia
Sent: giovedì 3 settembre 2015 06:05
To: ‘Emilio Iodice’‎
Subject: R: Thank You

Salve dottore,

Le scrivo due righe per darle le nostre più sincere condoglianze.

Pur credendo che la Vita continua anche la morte, ho perso mia nonna 12 mesi fa (e una mia “quasi madre” 15 anni fa) e ben ricordo il profondo senso di disorientamento che perdere una persona cara porta e quindi volevo dirle che ha il mio più sincero sostegno e mi faccia anzi sapere se posso aiutarla in qualche modo.

Un bacio affettuoso.

P.S.
Avendo conosciuto 3 generazioni di Iodice’s (a cui aggiungerei quella di sua madre di cui ho sentito spesso parlare) devo dirle che sua madre (e la sua famiglia) ha fatto un bel lavoro nel crescere una famiglia di sani e sinceri valori morali e affettivi. Io ne sarei orgoglioso fossi in lei. Non c’è legacy più importante.

 

Emilio Iodice
To
Paolo Roncaglia
Sep 3 at 5:02 PM


Dear Paolo.

Thank you for you warm message. This is kind and thoughtful.

I’m still in NY and I miss Mamma. She loved everyone and proved it in actions as well as words.  She was especially close to Cristina and Francesca and was so proud of them. At her wake, everyone kept saying how she boasted about them, their husbands and children.  She remembered everyone’s birthdays and things that were important to them.  Those who met her never forgot her charm and natural affection. She talked warmly about her friends and their qualities just like those of her children and grandchildren and great grandchildren.

A day after her funeral, our cousin Steve felt he had to do something that she would have done to help others. Mamma had helped thousands of people. He created “Blankets for Momma.” He posted on Facebook the idea of his collecting and distributing blankets to the needy. He got hundreds of offers to give.  The story hit the media.

Steve drives a truck delivering cakes all over NYC. His boss allows him to collect the blankets and distribute them.  Each blanket has a ribbon with a photo of my mother and her name and the logo: “Blankets for Momma.” It tells about her kindness and as she continues to help others they should do the same when they can. ‎I call Steve “The Prince” because it says so much about him as a human being. He is also a volunteer fireman. That says it all.

Mamma’s legacy of altruism continues. I hope and pray that each of us can be so fortunate.

God bless you.

Emilio

 

[Traduzione]

Caro Paolo

Grazie per il vostro affettuoso messaggio. È stato gentile e premuroso.

Sono ancora a N.Y e sento la mancanza di Mamma. Lei amava tutti e lo ha provato con le sue azioni e con le sue parole. Era specialmente legata a Cristina e a Francesca ed era molto orgogliosa di loro. Alla sua veglia funebre, tutti continuavano a dire come lei si vantava di loro, dei loro mariti e dei bambini. Lei ricordava i compleanni di tutti e le cose che erano importanti per loro. Quelli che l’hanno conosciuta mai dimenticheranno il suo fascino e il suo affetto per gli altri. Lei parlava con trasporto dei suoi amici e delle loro qualità così come di quelle dei loro figli e nipoti e pronipoti.

Un giorno dopo il suo funerale, nostro cugino Steve sentì di dover fare qualcosa che lei avrebbe fatto per aiutare gli altri. Mamma aveva aiutato migliaia di persone… Così si è inventato “Coperte per Mamma”. Ha postato su Facebook l’idea di raccogliere e distribuire coperte per i bisognosi. Ha raccolto centinaia di offerte di aiuto. La storia ha avuto anche un’eco sui media.

Steve guida un furgone con cui fa consegne di dolci per tutta New York City. Il suo principale gli ha permesso di raccogliere le coperte e di distribuirle. Ogni coperta ha una fascetta con la foto di mia madre, e il suo nome e la scritta: “Blankets for Momma”. Testimonia della sua gentilezza e di come lei continui ad aiutare gli altri che avrebbero fatto lo stesso qualora avessero potuto.
Io chiamo Steve “Il Principe”, perché questo nome è appropriato per lui come essere umano. È anche pompiere volontario. Il che dice tutto.

L’eredità di affetti e di altruismo di Mamma continua. Io spero e prego che ciascuno di noi possa essere così fortunato.

Dio vi benedica

Emilio

 

Da: Emilio Iodice
Inviato: lunedì 24 agosto 2015 17:30
A: Aniello Calisi; Vincent Tricoli; Gerardo Conte
Cc: CONTE GERARDO
Oggetto: Thank You

‎Dear Niel, Gerry and Vinny:

Thank you for the flowers from San Silverio Shrine for Mamma. It was thoughtful of you. We are grateful ‎for your kindness and the love and respect you always showed Mamma. So many families and friends sent flowers, mass cards and donations to the new Our Lady of Pity Museum at San Silverio Shrine, in Mamma’s memory. It was a project close to her heart. We cannot express enough our gratitude to one and all.

We would like to post the message below on the Shrine web site with photos of Mamma to thank everyone from for being close to us at this moment. If possible, please post it on your Facebook pages so that we can get the message to so many who paid their respects.

God bless you and yours.
Emilio and Ralph.

 

[Traduzione]

Cari Niel, Gerry and Vinny:

Grazie per i fiori da San Silverio Shrine per Mamma. È stato un pensiero gentile da parte vostra.

Vi siamo grati per l’attenzione, l’amore e il rispetto che avete sempre mostrato per Mamma. Così molte famiglie e amici hanno mandato fiori, messaggi di partecipazione e donazioni al nuovo Museo della Madonna della Pietà a San Silverio Shrine, in memoria di Mamma. Era un progetto molto vicino al suo cuore. Non sappiamo esprimere appieno la nostra gratitudine per ciascuno di loro.

Vorremmo postare un messaggio sul sito dello Shrine con foto di Mamma per ringraziare tutti quelli che ci sono stati vicini in questo momento.
Se è possibile postate questo messaggio sulle vostre pagine Facebook in modo da far arrivare il messaggio ai tanti che hanno voluto esprimere la loro partecipazione

Dio benedica voi e i vostri familiari

Emilio e Ralph

 

Dear Friends and Family:

Our mother cherished San Silverio. She was devoted to the members of the Shrine, their families and friends. ‎She was there to help, give a kind word,  provide encouragement and advice and, most of all, hope.

She was dedicated to God, our country and her family.

She said: “It is better to throw bread instead of stones. ”

Hundreds of families explained how Lucia and Silverio sponsored them when they came from Ponza. This couple took them in. They helped them build a life in the New World.  They fed and clothed them, got them jobs and launched them into living in America. So many became citizens of this great land, thanks to Silverio and Lucia. These two splendid human beings, never asked for anything in return.

From the little girl who said how Lucia helped her family on their trip from Italy to New York in 1937 when they suffered from serious sea sickness‎, to providing a home to a young, poor family in 2015, Lucia was always there. She showed us how we should be.

Please accept our sincere gratitude for your kindness in helping us deal with the loss of this great person who was a splendid example of motherhood, friendship, strength, courage, determination, hard work, wisdom and womanhood. ‎Lucia never gave up. She thought of others first and herself second, third or not at all.

God bless us as we continue on life’s journey. May Mamma inspire us to always be better than ourselves. May our Lord grant you peace, love and health and a long, happy life, filled with meaning like that of Lucia Sandolo Iodice.

With love.

Ralph and Emilio

 

[Traduzione]

Cari Amici e Famiglia,

Nostra madre venerava San Silverio; era affezionata ai Membri dello Shrine, alle loro famiglie e ai loro amici. Lei era sempre presente per aiutare, dire una parola buona, fornire incoraggiamento e consiglio e soprattutto, speranza.

Si è dedicata a Dio, al nostro paese e alla sua famiglia.

Diceva sempre: “E’ meglio dare pane che buttare pietre”

Centinaia di famiglie possono testimoniare come Lucia e Silverio le hanno sostenute quando sono venute da Ponza. Questa coppia le ha ‘accolte’. Essi le hanno aiutate a costruirsi una vita nel Nuovo Mondo. Le hanno nutrite e rivestite, hanno trovato loro un lavoro e avviate alla loro vita in America. Così molti sono diventati cittadini di questo grande Paese grazie a Silverio e a Lucia.
Questi splendidi esseri umani non hanno mai chiesto niente in cambio.

Dalla ragazzina che ha raccontato come Lucia aveva aiutato la sua famiglia nel viaggio dall’Italia a New York nel 1937, quando essi soffrirono di un serio mal di mare, fino a procurare una casa ad una giovane famiglia povera nel 2015. Lucia era sempre presente. Lei ci ha mostrato come avremmo dovuto essere .

Accettate la nostra sincera gratitudine per la vostra gentilezza nell’averci aiutato e sostenere questa grande prova della perdita di questa grande persona che è stata uno splendido esempio di senso materno, amicizia, forza, coraggio, determinazione, grande capacità lavorativa, saggezza e femminilità. Lucia non si arrendeva mai.

Lei pensava agli altri per prima cosa, e a se stessa per seconda, terza cosa o per niente.

Dio ci benedica mentre continuiamo il nostro viaggio terreno. Possa Mamma ispirarci ed essere sempre migliori di quanto non siamo. Possa il nostro Signore concedervi pace, amore e salute e una lunga vita felice, piena di significato come quella di Lucia Sandolo Iodice

Con amore

Ralph ed Emilio

Condividi questo articolo

1 commento per Partecipazioni e ringraziamenti dalla famiglia Sandolo-Iodice

  • Emilio Iodice

    Vorrei ringraziare i lettori e i redattori di Ponza Racconta per la gentilezza mostrata a me, mio fratello Ralph e tutta la nostra famiglia per la perdita di nostra madre, Lucia Sandolo Iodice.
    Non passava un giorno che mamma non pensasse a Ponza.
    Ponza è stata nel suo sangue e nel suo cuore.
    Amava l’isola, la sua gente e le tradizioni e, soprattutto, San Silverio.
    Ha dedicato la sua vita a diffondere l’immagine, la storia e la vita di San Silverio in America.
    Ha aiutato migliaia di persone provenienti da Ponza a venire in America e stabilirsi nella terra che accoglieva loro e i loro figli.
    Mia madre e mio padre hanno sponsorizzato centinaia di famiglie di Ponza e le hanno aiutate; esse hanno vissuto nella nostra casa, hanno mangiato il nostro cibo e i miei genitori hanno trovato loro lavoro. Non hanno mai chiesto nulla in cambio.
    Questo è stato vero amore e vero altruismo.
    Questi sono stati Lucia Sandolo Iodice e Silverio Iodice: figli di Ponza e bambini d’America.

    Emilio Iodice, autore e professore

Devi essere collegato per poter inserire un commento.