- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Memo 35. Titì e i viaggi per mare

a cura della Redazione

 

Ricordate Titì..? – leggi qui [1] – Da buon siciliano – naturalizzato ponzese – il nipote ha ripreso il nome del nonno…

Titì [2]
Ricordo ancora di quando me ne parlava mio nonno… Bei tempi!

Aveva, a distanza di anni, i lucciconi agli occhi quando raccontava di quella volta che si lanciò dalla banchina del porto di Lipari per seguire Pertini e gli altri confinati che dovevano essere tradotti a Ponza…

Raccontava di viaggi interminabili, nove ore di media da Napoli fino a Ponza! I confinati ammanettati a due a due nella stiva, a vomitarsi addosso tutto il tempo! Ma che è?

La verità è che noi ragazzi… – si sa come sono i cuccioli: maleducati, irriverenti… – insomma… non gli credevamo, e lo sfottevamo pure, povero nonno!
Il fatto è che siamo cresciuti nella bambagia: ricordo che quand’ero piccolo si partiva alle 4,30 del mattino (due volte a settimana persino alle 6,30!) e dopo “nemmeno” tre ore – tre ore e mezza, eravamo già a Formia!

Oddio, eravamo… Erano!

I miei familiari – un cane nipote di nonno anarchico, non può avere padroni! – mi mollavano alla partenza, e io, sceme ‘i ‘nu cane, li aspettavo fino al rientro, la sera.
E sì, perché negli anni ’70 si riusciva a rientrare la sera stessa, da Formia!
Con questi lussi, che peso volete che dessimo alle storie del nonno?

Perché oggi penso a nonno Titì buonanima?

Perché adesso sta capitando pure a me… È proprio vero: nu’ sputa’ ’nciel’ ca ‘ncap’ te torna!
E sì, pecchè mica mi credono ’stì disgraziati d’i figli miei!

Ho raccontato loro dell’unico viaggio che mi sono fatto: che emozione!
Quel bel tavolaccio di legno, in terza classe!

Une ’ncuoll’ a n’at’, tutti a fumare che non c’era ancora ‘sta stronzata del fumo passivo…
U Falern’, ‘a Freccia de Roma, ‘u Ponza! Tenevano un bar che sembrava veramente un bar, con poltroncine in pelle, ma proprio eleganti, eh! …mò se chiammene vintage (per distinguerle da quelle del Quirino ca se chiammene scassage)… Ce steva ‘na scalinata a chiocciola ca pareva chella ’i Wandaosiris… era talmente bella che la facevi pure con la carrozzina… altro che Quirino, ca tèn’ ’na scala appesa ca manc’ camminando a quatt’ zampe ce saglie!
E poi si partiva con qualunque tempo …e si arrivava pure!

Certo, non c’erano troppe macchine come adesso; al porto non c’era quel bel semaforo che di giorno sta spento e di notte quando non serve sta appicciate… ma tutto il resto è vero, vi dò la mia parola!
Sì, ma a chi l’amma cuntà..? Chi ce crede a chisti favule?

I can’ ’i oggi se ne vanno in discoteca, cumm’e chillu scem ’i Pluto… Bevono il Bacardi al ‘Saracino’, fanno l’apericena al ‘Melograno’.
…Inzomma, loro s’ambriacan’e poi dìcene che nui viecchie simme abbabbiate, cumm’ chisti cca ’i ponzaracconta! 

Mò ci’avessa sta ’u nonn… mo’ sì ca veness’ creduto!