Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-13 p-04 Foto di gruppo 46 04 Idraulica antica: fosso di regolarizzazione

La scomparsa del capitano Giacomino Fontanel

Condividi questo articolo

di Admeto Verde

 

Non so da dove venga il nome Fontanel, ma posso assicurare che era ponzese. Viveva a Napoli, nei pressi dell’aeroporto ma mi sembra di capire che ogni estate tornasse a Ponza.

Per sua iniziativa, verso il 1965, in società con Antonio Colandrea, istituì un servizio di traghetti tra Terracina e Ponza e in seguito anche da Formia, con le unità ‘Città di Sanremo’, ‘Freccia de Roma’ e ‘Città di Formia‘.
Quando gli chiesi della sua esperienza (che non ricordava con piacere, deve averci perso un po’ di soldi… pare che durante i lavori di trasformazione del Città di Formia fosse fallito il cantiere e la nave rimase bloccata), gli piaceva ribadire – e lo ripeteva anche ai ponzesi, quando tornava sull’isola – che aveva “liberato” Ponza dalla dipendenza dalla SPAN che, a suo dire, “tassava pure ‘na guantiera ‘i sfugliatelle”.

Giacomino Fontanel

 

Riprendiamo qui di seguito un articolo comparso sulla stampa on-linewww.temporeale.info – riguardo la scomparsa del Comandante (a cura della Redazione).

Ponza / E’ morto il Capitano Giacomino Fontanel, l’uomo che curava le aiuole di Napoli
Scritto da Redazione Temporeale 19 agosto 2015, ore 6:29 pm

 

NAPOLI – Giacomino Fontanel, ormai da anni residente a Napoli dove curava a titolo gratuito le aiuole della città, si è spento all’età di 83 anni.

Nato a Ponza nel 1933, aveva lavorato per tutta la vita sulle navi da trasporto, per poi stabilirsi a Napoli, dopo essersi innamorato di una donna, Concetta, con la quale avrebbe poi concepito tre figli: Nadia, Flavio e Guido. La moglie era morta qualche anno fa, dopo 50 anni di matrimonio, e il capitano Giacomino aveva deciso di dedicarsi alla città, a quella Napoli che l’aveva accolto a braccia aperte.

Il “capitano”, come lo conoscevano tutti, aveva preso casa a pochi passi all’aeroporto e ogni mattina armato di attrezzi scendeva in strada per curare le aiuole cittadine e per segnalare i dissesti. “La gente che viene qui deve capire che Napoli è bella. Lo deve capire subito, appena sbarca dall’aereo”, diceva.
Era tra l’altro anche diventato copresidente del Comitato Civico Doganella e fino alla fine dei suoi giorni ha continuato ad impergnarsi civicamente per salvare la città dal degrado.
Nel mese di marzo salì alla ribalta delle cronache suo malgrado in seguito al vile furto che subì degli attrezzi agricoli con i quali ripuliva le aiuole.

Il capitano Giacomino Fontanel se n’è andato a metà agosto, dieci giorni dopo aver festeggiato il suo compleanno.

(foto: N. Clemente)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.