Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-59-13 ep-05 f-ab k2-12 corrida20 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_

Alcune estati fa…

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Motoscafo Riva

 

Lo scalo d’alaggio sotto il Municipio, il mamozio per intenderci, aveva perso la funzione propria di luogo dove tirare a secco i gozzi per la normale manutenzione. Si stavano organizzando per questo i cantieri a Santa Maria.

Al mamozio vengono tirate le barchette, quelle a remi. E queste, dietro la spinta turistica dell’estate, stanno moltiplicandosi. Sono utilizzate per portare i villeggianti a visitare le grotte.

Siamo negli anni ’50 – ’60 e da Anzio i romani arrivano a frotte. Alcuni, i più avveduti, comprano casa. Fra di loro spicca il notaio De Martino. Ha acquistato un palazzo niente male sia per posizione sia per grandezza. Ne fa la sua villa. Ogni estate viene con la famiglia.

Al mare va con un motoscafo in mogano. Lucido e bello spicca fra le barche ormeggiate al mamozio.

“Era un Riva?”
“No, era un motoscafo dei cantieri Chiavari” – mi corregge Peppino Iacono. Lui lo ricorda bene.

Modellino di un antico cabinato  dei Cantieri di Chiavari. Italia anni '50. Lunghezza cm 80

“Cosa ci facevi tu allo scafo, che io ti ci vedevo sopra, prima che prendesse il largo?” – domando.
“Niente, ci toglievo il sale. Senza acqua dolce, cos’altro potevo farci ? “ – mi risponde sornione.

Perché lui? Perché era lui il fortunato fra tutti noi, che poteva salire su quello splendore ?
Il notaio De Martino ha amicizia col padre, Ciro Iacono. Abitano anche vicino, in via Parata. Eppoi Ciro ha un magazzino-laboratorio giù, al mamozio, e dunque è comprensibile che si faccia capo lì ogni mattina, e poi si prende il largo.

Insieme al notaio ci sono i figli, due maschi e due signorine. Queste si accompagnano con le figlie di don Mario, il farmacista. Accodati, altri giovani ponzesi.

Lo spettacolo che attendiamo è la messa in moto del motoscafo, e l’uscita dal porto.

Il motore ha quel rombo chiuso e vigoroso degli entrobordo di razza, e l’uscita dal porto, col notaio, immancabile, alla guida, riporta ai film.

Esce tardi, verso le undici. A quell’ora sul Corso si ozia in attesa di andare in chiesa o di assistere alla venuta della nave da Anzio.

Tutto era più a dimensione di un villaggio di mare. Menecuzzotte smaglia nel suo gozzo, dirimpetto al negozio ’i Barbaresca, i pesci dalla rete; Maurino smanica vicino ad un fuoribordo in un fusto, fuori dal suo laboratorio; Ciro Iacono stuzzica i passanti con battute; il maresciallo dei Carabinieri, Betronici, sorride benevolo. Questo nella zona bassa, sul molo. Nella zona alta, sul Corso, il “Conte”, gestore del Maga Circe, duetta con la moglie, Luigi ’u pitto staziona davanti al suo bar Tripoli.

Ecco che il motoscafo fa tremare il cavo del porto col suo motore. Poi esce. Lucido, elegante, signorile.

Oggi Peppino Iacono non ne vuole parlare. Io insisto, ma invano.

L’ho già detto, Ponza sottostava all’andare sonnolento e improvvisato di un villaggio di mare. Nessun paragone con l’estate di oggi, intasata e distratta. Dove perdono gentilezza anche le gondole, inadeguate sullo sfondo delle grotte azzurre, in acque perlacee.

 

Immagine di copertina. Un motoscafo anni ’60 dei cantieri Riva

Condividi questo articolo

3 commenti per Alcune estati fa…

  • Silverio Guarino

    Quel motoscafo nei nostri pensieri e nei nostri ricordi sarà solo ed esclusivamente un prodotto dei cantieri Riva; qualunque altra identificazione tecnica rappresenta solo una gelida classificazione da collezione per esperti. Così come forse era anche dei cantieri Riva quel motoscafo di Roger della Bussola, col quale ci siamo cimentati nell’arte dello “ski nautique”. Così come continuano forse ad esserlo quei motoscafi presenti nella laguna di Venezia che trasportano i VIP nelle grandi parate e nelle grandi occasioni (perché non portare anche questi ultimi a Ponza a far compagnia elle gondole?).
    Anche io (senza saperlo prima di averlo acquistato in società con un mio amico), sono stato proprietario 30 anni fa di un motoscafo dei cantieri Riva, diverso dal famoso entrobordo: 7,70 metri, semicabinato, 2 motori entro-fuoribordo volvo-penta a benzina da 150 CV ciascuno, velocità di crociera 24 nodi. Cristina, era il suo nome e la chiglia era quella meravigliosa dei cantieri Riva. Durò poco questa avventura; figli piccoli e poca dimestichezza con il mare mi portarono a rivenderlo dopo 2 anni. Ma quella superba raffaelliana scia di schiuma che lasciava dietro di sé e il suo planare maestoso ancora vivono nei miei ricordi.

  • isidorofeola

    Il nome del motoscafo del notaio Alfredo De Martino era “FOLGORE”, mentre quello di Roger della Bussola era “ROB ROY”. Un altro ancora lo aveva Pino Antonelli ed era la “CARLA III” .

  • Biagio Vitiello

    Ricordo che il motoscafo di Roger del night La Bussola (ubicato alla banchina, dove oggi si trova il Diving), un giorno d’estate andò a fuoco e vicino allo scoglio della Torre dei Borboni – parliamo dell’estate di oltre 50 anni fa – il maresciallo dei Cc. Bedronici tentò di farlo affondare a colpi di moschetto, ma per fortuna non ebbe successo (forse a causa della scarsa mira?) e l’incendio, per suo conto, ‘magicamente’ si spense!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.