Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-15 ponza-cala-feola-sottocampo-maria-avellino-moglie-di-emiliano-sandolo-e-nonna-di-raffaele-sandolo-1952 ss17 corrida6 a-monte adele-con-nicola-rao-tg-r-lazio

Chialiùna

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
La luna di Méliès

 

Giggino – Quanto spreco, mamma mia! Tenéve raggion’ ‘u nonne: è tutta ’na iastemma l’abbunnanza.
Sang’ ’i Retunne – E da quando in qua tu hai un sentimento di tutela ambientale?

Gg – Ambientale? Vide addò te n’he i’, tu e gli ambientalisti: è capito? Site ’nu muntùne ’i chiaveche.
SR – Se vabbuo’. Ma a cosa ti riferisci per lo spreco?

Gg – Ma te pare iuste a te, ’na marina ’i chella manera senza nisciuno? ’Nu spreche, n’offesa ’u Pataterno che l’ha criata.
SR – E tu sai, quella è pericolosa, non è agibile: se sfrantumma e accide a’ ggente.

Gg – E che vuo’ dicere… ca ’u Pataterno l’ha arrunzata quando l’ha criata?
SR – Non credo proprio che l’abbia creata per usi turistici.

Gg – A no? E quale sarebbe stato ’u motivo… famm’a capi’?
SR – Giggi’ non lo so, non c’ero, ma sicuramente non per farti fare il bagno a te.

Gg – Io dico: si ce sta ’nu pericolo, se lev’a miezz’ e ’u problema fernesce. O no?
SR – E si vede che non è così facile, la soluzione!

Gg – A no? Ma si ci hanno spise tanta sorde che l’avessero fatt’ a Formia n’ata Chialiuna…
SR – Giggi’, pare che là cadono i massi e può crollare tutto da un momento all’altro.

Gg – E che ce vò a fa’ ’nu bello muro ’i giment’armato, a’lluongo a’lluongo, da ’na pont’a ll’ata?
SR – Un muro? Un muro appoggiato alla roccia?

Gg – Sì sì, ’nu muro a sott’a’ngopp, comm’è na diga. E ch’adda cade’ cchiù? Dimme tu?
SR – Madonna Giggi’, ma è ’na cosa brutta, arruina ‘o paesaggio. E che schifo! Le’ lèee!

Gg – Mò rispunn’a mme: tu t’he fa’ ’nu bagno o he vede’ ’u paesaggie?
SR – Ma le due cose non sono alternative: non si può stravolgere la natura con un impatto simile.

Gg – No..!? Chell’ è  ’a natura  che fa l’impatto ’ngapa a mme si nun m’addifendo.
SR – Io ho sentito che c’è un progetto che prevede l’allungamento della spiaggia verso il centro della baia per allontanarsi dalla montagna.

Gg – Essì, saie addò arriva a’ primma punentate? Ati soldi iettate. Magna màaaa!
SR – Io delle volte mi chiedo chi tra noi due sta sbagliando qualcosa.

Gg – Comunque, pe’ fatte accapi’ quanto so’ ’ntelliggente, appriparato e democratico, faciarraggie ’nu proggetto d’u muro ’i Chiaìliuna e ’u presentarraggie ’u Comune.
SR – Figurati! Sarà una cosa eccezionale.

Gg – ’U puo’ dice forte! E ’ngopp’ ’u muro facimme disegna’ ’a muntagna, accussì nun s’arruinano i fotografie i’ll’amici tuoie.
SR – Immagino! Nessuno se ne accorgerà! L’effetto sarà strabiliante. ’Na meraviglia!

Gg – ’U chiamarraggie “progetto Chialì-doie”.
SR – Chialì-doie?

Gg – Sì sì: dopo Chialì-una verrà Chialì-doie: “Chiali-doie protegge pure ’a capa toie”.
SR – Pure ’u slogan: cos’i pazz’!

(Qualche tempo dopo)

SR – Allora Giggì a che punto sta il progetto Chialìdoie?
Gg – Sta a zzero e porto zero.

SR – Comme sta a zero? Te lo hanno bocciato?
Gg – Macché, nun l’aggie propio presentat’.

SR – A no? E perché?
Gg – M’ha ’itto accussì Assuntina: “Ma ’a fernisce o no ’i te mette ammiezz’i ’uaie? Tu ’u bagno non ci vai mai e quando ci vaie, vaie  abbasci’a Fonte: t’i vuo’ fa’ ’na vota pe’ sempe i cazzi tuoi, sì o no?”.
Chest’è!

Venerdì pesce

Immagine di copertina: “Viaggio nella luna”, capolavoro di George Méliès del 1902, agli inizi del cinema

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.