Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

t3-7a m v1-20 18 04 corrida20

Il santo laico

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Miracle. Next exit

 

Giggino – E’ inutile ca ve vattite ’mpiett’! È tutto inutile!  Cca pur’i santi ci’hanno abbandunato!
Sang’ ’i Retunne – Ueee Giggì, ma cu’ chi ci’allàie? Me par’ ’nu profeta dell’apocalisse.

Gg – See, see… cca simme arrimaste sule… E  avimm’a vede’ c’hamma fa.
SR – Ma da chi ti senti abbandonato?

Gg – Da tutti i santi politici…..e pure da chill’ d’u Paravise… d’u Pataterno.
SR – Addirittura? Pure da Sansilverio?

Gg – Esattamente..! Si propio ’u vuo’ sape’, ’u primmo è priopiete isso. S’è scurdàt’ ’i tutt’ chell’ c’aggio fatto pe’ isso! E che bbuo’ fa! Accussì adda i’!
SR – Ueeee, Giggi’, ma te siente bbuone! Ma tu averamente t’a stisse pigliann’ pure ch’i santi?

Gg – E ciertamente… e chiste so’ i fiùr’, e chest’è ’a questua, e ’a messa, ’a nuvena, ’a preghiera, ’a carità, e ia’ nu’ ghiastemmàmme… E po’? Quando m’adda aiuta’, fa ’a statua. E no, caro mio, accussì nun se fa!
SR –  Ma ’uard’a chist’. E tu fai le cose ai santi per avere un tornaconto? Non funziona così!

Gg – A no? E comme funziona? Io faccio del bene e all’ate se fann’i cazz’alloro?
SR – Ma è cosa che a ’stu paese non è possibile fare niente per senza niente?

Gg – È cosa che a ’stu paese chi fa del bene adda muri’ accise?
SR – Siente Giggi’, tu staie peggiorando, vide chell’ ch’he fa’ ca i’ nun te vegh’ buone.

Gg – A no? E vide tu! ’A primma cosa che faccio, cagne santo. Azzòo!
SR – E dalle cu ’sta storia.

Gg – Secondo me cca s’hadda fa’ ’nu referendùm pe’ ’nu santo nuovo: giovane, chiù moderno e preparato, ch’ha studiato, che ne capisce ’i PAI, ’i PUA, ’i traffico, ’i tass’i sbarco, sensi unici e bilanci, ’i abusivismo e IMU.
SR –  Tu dici?

Gg – Essì! Cca, sule ’nu miracolo ’i ’nu santo competente ce po’ salva’. Chille ’i primma capìscen’ sule ’i visigoti, Belisario, i romani, maletiempe, tempeste, pirati. Tutt’arrobba superata e cafona. Cca ce vo’ coccòs’i nuovo: veste nove, figure nove, nova lengua e perciò… nuovi miracoli! T’ummaggine tu ’nu santo collegato a fessbuc? Che commodità. Sai quanti “mepiace”? Uuuh huuuh!
SR –  Su facebook? ’Nu santo collegato a internet? Ma che stai dicenne? Addò s’è visto mai?

Gg– ’U facimme cca!  Ne stamme vedenn’ tante: ’i gondole, i trenini, all’aulive …vuo’ vedè ca cu tutt’ ’sti scienziati in circolazzione nun so’ capace ’i fa’ ’na cosa accussì semplice?

(Qualche giorno dopo)

Gg – Amico mio, nun se po’ fa’. Niente santi nuovi!
SR – A no? E pecché?

Gg – Hanno fatto ’nu consiglio straordinario ed hanno ditt’ ch’a proposta mia è inutile.
SR – A sì? Non ci stanno santi con quelle caratteristiche?

Gg – No, no… ch’è capito? Nun ce ne sta abbisogno, pecché ’u tenimme ggià.
SR – Addirittura. Quindi avevo ragione io: bastano i santi nostri.

Gg – Ma qua’ sante nuoste: ’na mass’i cafune! Cca mò tenimme ’nu santo laico in gamba che p’i miracule sta ben attrezzato. Altrochè!
SR – E internet e facebook?

Gg –Fa tuttecose, te dico! E pure ’u supiérchie…
SR – A sì? E chi è, cosa ha fatto?

Gg – Nun’aggio capìt’ buono a chi Dio prega, ma ha fatto tante miracule: sei puòrt’; quattordici cièss’i plastica; vintidoie spiagge ’i Chialiuna; sei semafori; treciénte licènz’i case; doie autostrade; duie transatlantici pe’ Terracina, ’nu canciell’i fierre’… e pure ’nu bell’oliveto, apparecchiàt’ apposta pe’ ce fa’ i miracule!
…E chest’è sulo l’inizzio!

Un_miracolo_1

Un_miracolo_2

Dalle Cronache di Fra’ Salmastro di Venegono, di Enzo Lunari (cliccare per ingrandire)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.