Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-04 ponza-cala-feola-sottocampo-1952-mario-sandolo-con-nonna-maria-avellino 66 recupero-del-nassone stradina Un rimorchiatore rimesso a nuovo

’A libertà

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Venerdì pesce

 

Giggino – No, no, mò abbasta! Ca nun se po’ chiù arraggiuna’. Mò me so’ proprietamente stancato.
Sang’ ’i Retunne – Scummetto che ti sei appiccicato n’ata vota cu’ Assuntina: chella prima o poi te romp’a capa.

Gg – No sule cu’ Assuntina, ci’allaggie cu tuttu quante. Pure cu’ tte.
SR – A sì? E pecchè? Quand’ arriv’ ’a staggione addivient’ pazz’ furiùs’. ’U calore te dà ’ncapa.

Gg – Ah, i’ foss’u pazzo? Cca ’a ggente nunn’arraggiona e me dà fastidio. Menass’ a muorze comm’e ’nu cane… e chill’ se ne vene!
SR – E che fastidio te dà ’sta gente: famm’a capi’.

Gg – Me lèven’ allaria, nun me fanne rispira’. Tutt’ ’sta ggente me lev’ ’a libertà.
SR – Guarda che ’a libertà è ’na cosa seria e nun se leva c’a presenza d’a gente.

Gg – A no? E comme se leva?
SR – Giggi’, stiamo sempre là, dipende da cosa intendi tu per libertà. Può darsi che hai in testa un concetto diverso da quello che veramente è.

Gg – E te pareva che se perdeva ll’occasione ’i fa ’u professore?
SR – Giggi’, tu he arraggiunà: non è questione di studio, ma di vita. Io sono stato tanti anni fuori e posso fare il raffronto per aiutarti a capire. Poi, si vuo’ rimane’ delle tue opinioni radicate a 150 anni fa, so’ cazzi tuoi. Ognuno se chiagne ’i muort’ suoie.

Gg – E facimmule ’stu raffronto, sentimme.
SR – Dimmi ciò che secondo te è un limite alla tua libertà ed io ti risponderò secondo la mia esperienza.

Gg –  Allora… Te pare iuste ca nun pozze scuzzeca’ ’u mure ‘i primma matina? M’hanne mannato i giannizzeri.
SR – Sì!

Gg – Azz! E t’e pare giuste che ’a sera l’Apecar nun po’ ghì a’bbasci’i banchine?
SR – Sì!

Gg – Azz! E t’e pare iuste che m’aggia attacca’ ’u cane pe’ nn’u fa i’ a’bbasci’u puort’?
SR – Sì!

Gg – Azz! E te pare iuste che Assuntina nun po’ ghitta’ all’acqua fetente ’nd’i scale?
SR – Sì!

Gg – Ueeeee! Ma tu che cazz’ tiene ’ngape? Uvvì che  ccà ci’avite attaccate mane e piedi? Addò sta ’a libertà?
SR – Giggi’, la tua libertà finisce proprio dove inizia quella del tuo vicino. Questo è il concetto. È chiaro?

Gg – I’ c’u vicino mio ce sto in causa. Che me ne fotte d’a libertà soia!
SR – E ti pareva? Delle volte anche io dimentico dei particolari importanti. Stamm’ a Ponza.


(Il giorno dopo)


SR
– Giggi’ mi hanno detto che ieri te si’ appiccecato a mazzate! Ch’è stato?
Gg – Steve ‘ngrazie ‘i Dio ’uardando ’u passeggio, senza da’ fastidio a nisciùn’, i vicini miei nun ce stevene; steve sulo… e quindi ero libero, no?.

SR – Giusto, bravo… e allora?
Gg – A ‘nu ciert’ mument’ è passata ’na cavallona bionda ’i duie metri aute, cu doie cose tante ’mpietto… Mamma mia..! m’ha ’ncantate!

SR – Embè, d’estate succede. E allora?
Gg – Mentre ammiravo c’a vocc’aperta ’stu gioiello d’a creazzione, s’è avvicinato uno tutt’ pelato, c’all’uocchie ’i pazzo e ’nu sigarie ’mmocca e m’ha ’itto: “Ueee cafone ponzese, ’a finisci o no de guarda’ ’e turiste? Qua è tutto merito mio, a’ capito..? Pure queste!”.

SR – E tu cosa hai fatto?
Gg – Aggie fatt’ proprietamente chell’ ca m’he ditt’ tu ’i fa’. Prima ci’aggie chiest’ si isse era ’nu vicino mie ’i casa…

SR – E perché gli hai chiesto questo? Cosa c’entra? Mamma mia, n’he capito proprio niente. E poi?
Gg – Appena m’ha ‘itt’ no, l’aggi’accise ’i mazzate.

Libertà volpe e gallina

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.