Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0035-035 h-29 pa-01 v4-13a v6-2 101a

Sono solo favole

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Favole

 

Giggino – Tu ca saie quàs’ tutte cose, secondo te ’i ffavole che so’?
Sang’ ’i Retunne – E che ci devi fare adesso tu con le favole? Si’ addeventato n’ata vota criatura?

Gg – Pàteme m’u deceva che cierti vvote ce vulessero i buffettune ’nfaccia, ’i paisane nuoste. Dico io: t’aggie fatto ’na dumanda, vuo’ risponne sì o no?
SR – Secondo me a ’stu paese stamm’ addiventanne tutti nevrastenici-pazzi. Probabilmente saranno le sventure che stiamo passando o il troppo iodio del mare.

Gg – Per tua norma e regola io non odio propieto nisciuno, al limite me facite schifo vuie intellettuali zarristi russiani, ma chella è ’na questione ’i stommaco.
SR – Lo iodio è n’ata cosa e gli zar russi non c’entrano proprio niente, vabbuo’?
Comunque le favole sono storielle inventate dai “grandi” per la gioia dei bambini. Va bene così? E’ chiaro?

Gg – Ah, per la gioia dei bambini? Un’ ce dice ’na strunzata e chilli s’o cuntènt’?
SR – Diciamo che sono contenti perché non sanno che quel bel racconto non è vero. Della befana, per esempio, i bambini sono felici al solo pensiero. Quand’eri piccolo non t’hanno fatto fesso pure a te c’a storia d’a befana?

Gg – E quando me futte a me? Mai creduto a ’sta strunzata d’a befana, a me i regali m’i portano i muorte!
SR – Ah, perché i regali te li portano pure adesso che sei vecchio?

Gg – E certo. A te no? Se vede che si’ fetente.
SR – Stamm’a post’. Inzomma allora, pecché ’sta storia d’i favole?

Gg – Aieri a ditt’ zi’ Michele: “Strunz’ che non site auto, ammuccatéve tutt’i favule che ’sti quatt’ traditori ve stanno raccuntann’… Pò po’… fessacchiò!”.
SR – A sì? A che proposito?

Gg – Secondo me c’intre pure tu.
SR – E che vuoi dire che io racconto le favole?

Gg – Come dice zi’ Michele “le ammocchi”.
SR – Ah, ho capito: tu credi ai morti ed io m’ammocco le favole?

Gg – Allora si i ffavole so’ i mèe, i muorti’ song’ i tuoi!
SR –  Giggi’, nunn’accumenciamm’ a offende. È mai possibile che c’u te se va semp’ a furni’ a appicceche?

Gg – Si propiete ’u vuo’ sape’, tu e gli amici tuoi site ’a ruìna ’i’ll’isola pecché credite i ffavole ’i chi dice che è tutta ’na favola.
SR – Mamma mia e che ’mbruoglie. Vediamo se ho capito. Secondo la tua teoria quelli che dicono che qua si fanno solo chiacchiere dicono la bugia. E’ così?

Gg – Proprio così. E te dimostrarraggie ca site sule cantastorie e dei favolosi bugiardi! 
SR – Favolosi?

Gg – Sì, ca raccontene favole!

(Dopo qualche giorno)

SR – Giggi’ allora che mi dici delle favole? Hai scoperto qualcosa?
Gg – ’Ussai qual’è ’u probblem’? Nun riesc’ a distingue ’i ffavole d’a verità. Effettivamente ca è ’nu casino… ’Na tragedia.

SR – A sì? E fammi qualche esempio.
Gg –  ’I puorti se ne fanno duie o cinc’? ’U veliero l’hanno già inaugurato o l’hann’ ancora inaugura’? ’U bilancio comunale è pari o dispari? ’A centrale è elettrica o è politica? ’U cimitero è p’i muort’ o p’i vivi? ‘’I ffarmacie so’ doie o quatte? I guardie so’ svizzere o so’ turche? ’U sultano è sinneco o è sceriffo? I fetient’ simme nuie o chi ci ha fatt’ fessi?
Chest’è!

Pifferaio

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.