Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0008-008 k2-11 v6-1 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_ marie-la-moglie-di-giovanni-1973 claudio-lippi-e-adele-di-benedetto

Ventotene, Giuseppe Assenso confermato sindaco: alle urne l’80% degli elettori

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
Meravigliosa Ventotene. Foto da Flickr

 

.

Giuseppe Assenso, sindaco di Ventotene, succede a se stesso e viene eletto per la terza volta ad amministrare la sua isola. E’ questo il risultato uscito dalle urne dopo la consultazione elettorale di domenica 31 maggio. Medico, 69 anni, Assenso ha raccolto il 56,64% delle preferenze con 294 voti; allo ‘sfidante’ Gerardo Santomauro, notaio, 45 anni, originario di Ventotene, che da diversi anni vive a Benevento, è andato il 45,35%, con 240 voti. Il risultato ottenuto registra una forbice inferiore rispetto alle aspettative. Entrambi i candidati si sono presentati a capo di una lista civica: “Buona Onda” per Santomauro e “Ventotene Insieme” per Assenso.

Il programma elettorale dei due amministratori puntava più o meno sugli stessi temi: sanità, servizi sociali, trasporti, ambiente, Europa, urbanistica. L’intenzione è quella di portare avanti interventi di vario tipo: tra gli altri mitigare il dissesto idrogeologico, realizzare la nuova zonizzazione dell’area marina protetta, con lo spostamento della zona ‘A’, allo scopo di poter migliorare la fruizione dell’isola da parte dei turisti.

Il clima elettorale della vigilia è stato piuttosto turbolento e caratterizzato da un episodio a dir poco inquietante: una telefonata anonima minacciosa al candidato della lista “Buona Onda”, il quale ha immediatamente sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri, dichiarando, come giustamente ha fatto, di voler andare avanti.

Ma tornando alla cronaca del ‘giorno dopo’, ecco dunque Giuseppe Assenso confermato per altri cinque anni alla guida di Ventotene, in una continuità che l’elettorato isolano gli ha riconosciuto: in virtù dei suoi due mandati precedenti quindi egli governerà Ventotene per quindici anni filati.

Al di là del risultato personale del primo cittadino eletto, non ‘plebiscitario’ come qualcuno poteva prevedere alla viglia, quello che colpisce è la percentuale degli isolani che sono andati a votare, quasi l’80%. Un esito a dir poco straordinario e decisamente in controtendenza rispetto al dato nazionale e non solo. Ancora una volta la comunità di Ventotene si è dimostrata interessata e partecipe delle proprie vicende, attenta e decisa a decidere in prima persona.

Felicitazioni dunque al sindaco Assenso e all’intera squadra che da oggi siederà nei banchi del Comune, con l’auspicio che rappresentanti di maggioranza e minoranza lavorino fianco a fianco per il bene di Ventotene e della sua popolazione.

 

Nota
Il sito aveva già riportato notizie della contesa elettorale di Ventotene in un articolo (ripreso dal Corriere di Latina), del 3 maggio scorso (leggi qui)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.