Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-18 vdp-01 s-01 30-07-2005-19-31-11_0003 i-8 12

Immagini dalla festa delle bagnarole

Condividi questo articolo

di Mimma Califano

La bagnarola Il faro della Guardia

.

Grande festa lunedì scorso alla spiaggia di Sant’Antuono.
Come ha ricordato Franco (leggi qui), in un bel pomeriggio di sole, si è svolta la gara delle bagnarole arrivata alla 12^ edizione.

preparazione alla gara
Quest’anno il tema era l’alimentazione con uno sguardo ed un pensiero rivolti all’Expo di Milano.
Lo ricordava pure simpaticamente un cartello dove i termini expo e ponza  si combinavano in una sorta di anagramma (expo-nza)

18 le bagnarole in gara, un numero rilevante e superiore a tutte le precedenti edizioni a conferma del successo di una manifestazione che, grazie all’impegno della Compagnia del Trinchetto e del suo ideatore Cesare De Luca, ha sempre più seguito.

La bagnarola delle pizze. Con la maglietta bianca Cesare De Luca

La bagnarola delle pizze. Con la maglietta bianca Cesare De Luca

La bagnarola fave e casatiello
La bagnarola “Fave e casatiello”

La bagnarola delle banane

La bagnarola delle banane

La bagnarola della Coca-Cola
La bagnarola della Coca-Cola

Tanti bambini coinvolti nella kermesse e tanti adulti, vicini ai propri figli non solo per far loro attenzione ma anche… per divertirsi.
Grandi aspettative al varo delle “imbarcazioni” e un po’ di preoccupazione sulla loro tenuta nel momento di entrare in acqua, un’avventura comunque consistente in un piccolo giro poco distante d’ “u summariello”, con l’immancabile assistenza degli adulti.

Le bagnarole del faro della guardia e di fave e casatiello

La bagnarola “Il faro della Guardia” e quella “Fave e casatiello” prima del varo

In effetti la “bagnarola” non deve navigare, deve solo galleggiare. E tutte, con grande soddisfazione dei “costruttori”, sono rimaste “a galla”.
Dodici edizioni vorranno pure dire qualcosa!
Ogni “natante” si è distinto per originalità, creatività e tecnica di costruzione, elementi che sono stati considerati anche per scegliere le tre migliori “imbarcazioni”. Scelta quest’anno non semplice.
A tutti gli “equipaggi” è stata consegnata una piccola coppa di partecipazione, mentre alle tre “bagnarole” più originali, “I maccaruni ‘i mammà”, “Il faro della guardia” e “Muffins” è andata la coppa grande.
La bagnarola I maccarun 'i mammà

La bagnarola “I maccarùn’ ‘i mammà”

Bagnarola il faro della guardia
La bagnarola “Il faro della guardia”

La bagnarola I muffins

La bagnarola “I muffins”

La bagnarola dei muffins
Altra immagine della bagnarola “I muffins”

Indubbiamente è stata una bella festa che simbolicamente, come dice Franco, segna l’inizio dell’estate.

Un incontro gioioso di una Ponza bella, positiva e propositiva che ha avuto il suo culmine nel varo delle “imbarcazioni” ma che è stato preceduto da un gran lavoro fatto a casa, soprattutto dei genitori, con tanti momenti di condivisione e collaborazione tra piccoli e grandi.
In acqua i bambini hanno però avuto la meglio sui genitori… niente freddo o incertezze, solo divertimento.

Bimbi in acqua

Condividi questo articolo

2 commenti per Immagini dalla festa delle bagnarole

  • Luisa Guarino

    Bella cronaca e belle immagini: sembra di esserci stati anche noi lunedì scorso, sul ‘summariello’, fra quei bambini già in costume. Un autentico, allegro benvenuto all’estate che sta per cominciare; e insieme un’iniezione di fiducia, perché questa è la Ponza che vorremmo vedere sempre. Un insieme di persone vivaci, positive e propositive, piene di iniziative e di sana goliardia. Congratulazioni a Cesare, che da ben dodici anni con la sua Compagnia del Trinchetto riesce a mantenere in piedi questa bella manifestazione. Ricordo come fosse oggi l’unica Gara delle bagnarole cui ho assistito diversi anni fa. Per questo mi sembra davvero di rivivere e condividere gridolini, schizzi d’acqua, allegria, goliardia, inventiva… e temerarietà. Bravi tutti: grazie per farci sentire lì con voi. E un grazie particolare per il ‘nostro’ Faro della Guardia.

  • Silverio Guarino

    Non è solo perché abbiamo lo stesso DNA, ma non posso fare a meno di esprimere anche io i miei sentimenti di gioia e di emozione per l’appartenenza a questo amato “scoglio”.
    Un abbraccio a tutti. Bravi davvero!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.