Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-01 q-17 30-07-2005-12-05-23_0000 a-21 sl372202 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

La rincarnazione

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Venerdì-pesce-295x300[1]

 

Giggino –  A’ieri zi’ Michele m’ha parlato ’i ‘’na cosa grossa assaie.
Sang’ ’i Retunne – ’Na balena?

Gg – Sì, comme no: chell’i màmmete.
SR – ’N’accumminciamm’ mò! Di cosa ti ha parlato, sentiamo.

Gg – Quann’uno more, po’ iesce n’ata vota ’a n’ata parte comme si nun fosse muorte, ma invece è vivo n’ata vota.. ..E’ chiaro?
SR – Eee! Come no? Chiarissimo! Ti spieghi comm’e ’nu libbr’ stracciato. Non ho capito niente.

Gg – E chell’a colpa nun’è ’a toia. ’U ’uaio ‘u facette màmmete quann’ t’a mise’u munn’. Mp fusse ’nu cane, ’na jatta… o ’nu palettone ’i fechetine.
SR –  Aaah! Forse ti ha parlato della reincarnazione? E proprio a te la doveva raccontare questa cosa?

Gg – E pecché no? Tiene appaura ca poi saccie cchiù cose ’i te?
SR – Giggì! ce ne vo’, ce ne vo’…

Gg – M’ha ditto ch’a mmiezz’a nuie ce putessene sta’ pure perzone d’u passate. Tu, sicondo me, si’ Giuda.
SR – E tu chi saresti? Sentiamo!

Gg – Ie song’ Dragumàn’.
SR – E chi è?

Gg – ’Nu pirata.
SR – Giggi’, Dragùt no Dragumàn’.

Gg – No no Dragumàn’… si nun te fott’oggi, te fott’ dimàn’!
SR – Giggi’, tu sta cosa l’he pigliata troppo sul serio: non è detto che sia vera.

Gg – ’Uaglio’ è seria e vera. Tu pienz’…’i Forne quanti rincarnati ci sono… Uuuu uuh! È chine.
SR – Ma quando mai: chi sarebbero?

Gg – Come no? Già n’aimme parlato…cocchedune sta pure a Santa Maria.
SR – Giggì, n’accumencia’ n’ata vota cu’ ’sta storia: Pilato, Porzio, Cristo, Madonna, Ennio non c’entrano con chi dici tu. Non sono né parenti né reincarnati. T’u vuo’ mette ’ncapa sì o no?

Gg – Vabbuo’, vabbuo’, no chist’i lloco precisamente, ma ate ce ne stanne…
SR – E dimmene uno.

Gg – ’A signora Straziomar.
SR – E chi si sarebbe reincarnato in lei?

Gg – Cristoforo Colombo e ’i tre caccavelle.
SR – Giggi’, ma famm’u piacere, cammi’…

Gg – Mò, però, sto cercann’ chi po’ èsse Attilo il cancello di Dio.
SR – Madonna, Giggi’! Si dice: Attila, il flagello di Dio.

Gg – E che è femmena mò?
SR – No, ma il nome finisce per “a”.

Gg – Vabbuo’ “a”, ma ‘u canciello è canciello, chill’è sicuro: figurete ca ce sta pure ’u cancielliere.
SR – E perché cercheresti Attila?

Gg – Pecché, essendo ’u re d’i quatt’, sta accedenn’ a tutti quante… pur’a nuie!
SR – Giggi’, era re degli Unni non dei quattro.

Gg – Uno? E pecché? Io quatt’ barbari, ’nu zimbr e sei pecure, aggie cuntàte!

 

Altan. Reincarnazione

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.