Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-30 m1-14 ss11-1 ss27 73 03

E’ scomparso Gennaro ‘i Tatill’

Condividi questo articolo

Rosanna Conte
Una prece

 

E’ scomparso, ieri, a Napoli, Gennaro Cortese, Gennar ‘i Tatill’.

Negli ultimi anni lo incontravamo seduto, desideroso come sempre di scambiare due chiacchiere con chi passava, fuori al negozio di magliette di Gioacchino, al corso Carlo Pisacane.

Bastava dare un avvio e la sua memoria andava a ritroso recuperando fatti e nomi di altri tempi. Gennaro aveva 92 anni ed erano molte le cose che amava ricordare.

Nel corso della vita aveva mantenuto forti legami con Napoli, dove abitava una sua sorella sposata, e con Maria, l’altra sorella che viveva con lui, vi trascorreva l’inverno.

Non pochi viaggi ho fatto con Gennaro quando c’era la corsa settimanale per Napoli e non poche erano le chiacchiere che faceva con mia madre nelle lunghe ore di navigazione.

Anni dopo, abitando nello stesso quartiere di Fuorigrotta, mi è capitato spesso di incontrarlo agli ambulatori dell’ ASL o ai giardinetti in piazza S. Vitale, dove si recava a prendere il sole insieme agli amici napoletani.

Così, poiché mi faceva sentire un po’ di Ponza anche a Napoli, avevo preso l’abitudine di cercarlo con gli occhi fra i vecchietti disposti sui vari sedili della piazza.

Ultimamente ne avevo avvertito la mancanza.

Ciao, Gennaro! Domani Ponza ti darà l’ultimo saluto nella chiesetta di Santa Maria alle ore 9.00.

Condividi questo articolo

1 commento per E’ scomparso Gennaro ‘i Tatill’

  • silverio lamonica1

    Gennaro Cortese ereditò il negozio di frutta e verdura da suo padre “Tatìll”, sito in Corso Pisacane, i cui locali ora ospitano il negozio di magliette “personalizzate” (quasi accanto alla macelleria Aprea). Successivamente Gennaro si dedicò alla vendita di capi di abbigliamento (sempre nello stesso locale). Agli inizi degli anni ’60 si dedicò anche alla ristorazione ed aprì il locale “Abissi Marini” giù alla Banchina Nuova, dove ora c’è “La Kambusa” di Settimio. E’ stato, a buon diritto, un pioniere nel settore turistico, svolgendo ogni attività con grande competenza e professionalità. Ci mancherà la sua grande simpatia. Sentite condoglianze a tutti i suoi familiari.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.