Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-06 v8-6a v2-r 83 98 Una giovane cernia bruna: Epinephelus marginatus

Mediterraneo. L’archivio delle memorie migranti

Condividi questo articolo

segnalato da Sandro Russo

.

Nomi senza corpi

di Dagmawi Yimer

In un attimo, in un solo giorno, il 3 ottobre 2013, tanti giovani che si chiamavano Selam “pace”, oppure Tesfaye “speranza mia”, ci hanno lasciato.

Diamo i nomi ai nostri figli perché vogliamo fare conoscere al mondo i nostri desideri, sogni, fedi, il rispetto che portiamo a qualcuno o a qualcosa. Gli diamo nomi carichi di significati, così come hanno fatto i nostri genitori con noi.

Per anni questi nomi, con il loro carico di carne e ossa, sono andati lontano dal luogo della loro nascita, via dalla loro casa, componendo un testo scritto, un testo arrivato fino ai confini dell’Occidente. Sono nomi che hanno sfidato frontiere e leggi umane, nomi che disturbano, che interrogano i governanti africani ed europei.

Se sapremo capire perché e quando questi nomi sono caduti lontano dal loro significato, forse sapremo far arrivare ai nostri figli un testo infinito, che arrivi ai loro figli, nipoti e bisnipoti.

Malgrado i corpi che li contenevano siano scomparsi, quei nomi rimangono nell’aria perché sono stati pronunciati, e continuano a vivere anche lontano dal proprio confine umano. Noi non li sentiamo perché viviamo sommersi nel caos di milioni di parole avvelenate. Ma quelle sillabe vivono perché sono registrate nel cosmo.

Le immagini del film danno spazio a questi nomi senza corpi. Nomi carichi di significato, anche se il loro senso è difficile da cogliere per intero.
Siamo costretti a contarli tutti, a nominarli uno per uno, affinché ci si renda conto di quanti nomi sono stati separati dal corpo, in un solo giorno, nel Mediterraneo.

.

Asmat. Nomi per tutte le vittime del mare

 

Guarda su Vimeo il video di Dagmawi Yimer, lento e ipnotico come una preghiera fatta di soli nomi

.

https://vimeo.com/114849871

 .

Nota sull’Autore
Nato e cresciuto ad Addis Abeba, Dagmawi Yimer lascia l’Etiopia nel 2005. Approda a Lampedusa il 30 luglio 2006. Ha realizzato vari documentari. Mercoledì 6 maggio l’università di San Diego gli affiderà la “James K. Binder lecturship in literature”. È tra gli ispiratori dell’“Archivio delle memorie migranti”http://archiviomemoriemigranti.net/

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.