Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-19_12-33-50 c-01 h-36 i-06 polina-02 scb

’U proggett’

Condividi questo articolo

by Sang’i Retunne
Venerdì pesce

 

Giggino – Ma a ’stu paese ’nu crestiane a chi s’adda rivolge? Me seng’ avvelùte.
Sang’i Retunne – Per fare cosa? Dici le cose per metà e poi pretendi che le persone ti leggano nella mente.

Gg  – Eccièrte! Tu he studiate a’ vi’e fore e he ’a capi’ i bbisogni ’i chi è rimaste cca.
SR  – Va bene, ma se non mi dici di cosa hai bisogno, io come faccio a capire?

Gg – E’  bell’isso! Accussì poi se sann’in giro tutt’i cazz’ miei. Tu l’he capi’ a volo, senza ca i’ parle. Accussì po’, in caso, i’ neg’ tuttecose. N’aggie parlàt’ propie! ..vuo’ mett’?
SR – Ma ti rendi conto a che punto arriva il tuo terrore? Hai paura anche di fare domande specifiche.

Gg – Nun song’ ie ca teng’ appaura, song’ “alloro” che fanne paura!
SR – Ma ‘alloro’ chi? Ci sta qualche canesca che ti mangia?

Gg – Peggio! peggio! Statt’ zitte… ccà se rischia ruosso.
SR – Stiamo messi proprio male, se non vuoi dirlo nemmeno a me che sono tuo amico.

Gg – E i’ propie ’i ll’amici nun me fido: site tutte ’na mass’i chiaviche traditori.
SR – Giggi’ sai che ti dico?  Va’ffammocc’a mammeta!

Gg – Ma allora ’u vuo’ sape’ o no che m’è succiesso?
SR – Giggì, si’ peggiorato: t’he fa vede’.

Gg – Sshh! Parla a bassa voce… Uno a chi s’adda rivolge pe’ fa’ ’nu proggetto pe’ ’nu cess’?
SR – E tanto ci voleva? ’A questione è ’nu cess’!? Si deve rivolgere a un tecnico, un geometra.

Gg – Tu ’u puo’ fa’?
SR – Io non sono né un tecnico né un geometra. Non ne capisco nulla di ’sta roba.

Gg – E i’ vulesse assape’ cosa capisci? He studiat’, he studiat’… pe’ cresce cunigli e galline e pèrd’ tiempe mara mare.
SR – Ognuno sap’i fatte suoi. Dimmi cosa ti è accaduto, qualche consiglio te lo posso sempre dare…

Gg – M’aggie fatt’ fa’ ’nu proggetto ’i ’nu cesso ’i duie metri quadrati e me l’hanno abbocciato, ’sti quatt’ fetiente.
SR – Mamma mia, nemmeno questo concedono?

Gg – I’ ci’allaggie cu l’architetto che secondo me, m’ha sbagliato ’u proggetto.
SR – E cosa avrebbe sbagliato?

Gg – A ’u cesso ci ha attaccato gli 80 metri d’a ’rotta abbusiva. Ce l’aveve ditte: lascia sta’… ma isse no, non si può, deve arrisultare.
SR –  Giggi’… e ch’è fatto? ’nu cess’i 82 metri quadri?

Gg – I’ aggia sta’ commodo, aggia piglia’ aria, ’u chiuso m’affoga. E po’ ce teng’a televisione, ’u tavolo c’u computer, ’a raccolta ’i Tex Willer, i fucil’i caccia, i falang’ d’a lanza, i bombule ’i riserva, ‘i spallere d’u liett’ d’a nonna, i ’mbrellune d’a staggione, i cartucce, i pall’i Natale, i cupertune…
SR – ’Ndu cess’? Madonna mia: è ’nu deposito. Ma tu hai fatto ’nu cesso cu’ ’na casa, non il contrario.

Gg – Perché qualche legge lo vieta?
SR – Non lo so, ma proprio qua, che stamm’attaccati tra vincoli e divieti, lo vuoi sperimentare?

Gg – E perciò che aggia cagna’ tecnico: chist’ nunn’ è bbuono.
SR – E mò va a furni’ che la colpa è del tecnico non delle tue assurde pretese.

Gg – Ma qua’ pretese? I’ pave, e vogli’esse servuto. He capito?
SR – Guarda che in queste cose non è sufficiente pagare.

Gg – A no? E uno c’adda fa’? ’u serveciùll’ a ’u padrone d’u vapore?
SR – Ma è mai possibile che capisci sempre a modo tuo? Non è sufficiente pagare perché devi fare le cose nella legalità. Se non sono legali, paghi o non paghi, non si possono fare. E’ chiaro?

Gg – Sarà come dici tu, ma invece è comme dico io: vatt’a fa’ ’na cammenata a Fruntone e po’ famme sape’.
SR – Giggi’ siente… nun accummencià a fa’ ’u filosofo. Facciamo una cosa: adesso ti presento un amico mio in gamba, ingegnere di Roma, che riuscirà a farti avere il massimo di quello che si può avere. Vabbuo’?

(Qualche tempo dopo)

SR – Giggi’, allora he fatto ’u progetto? Tutto a posto?
Gg – Saraggie io ’gnorante, ma i’ cierti ccose propie nunn’i capisc’.

SR – A sì? E perché, cosa non hai capito?
Gg – M’ha ’itte l’ingegnere… ‘l’amico tuo’: “Qua bisogna fare le cose trasparenti, non si deve nascondere niente, vedi il comune? È come un palazzo di cristallo, traspare tutto quello che si fa dentro”.

SR – Embè? Ha detto una cosa sacrosanta, dovrebbe essere da tutte le parti così.
Gg – A sì? E mò diciancéll’ tu a’Assuntina ch’a casa è fatta tutta ’i vetro trasparente e che pe’ ghi ’ndu cess’ s’adda vest’!

Casa di vetro

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.