Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0026-026 pa-01 polina-02 60 veduta-1 Camera principale delle grotte di Pilato

In primavera. ’A uagliunera

Condividi questo articolo

di Francesco De LucaGiancos-comera.-Antica-foto

 

Dopo il chiuso dell’inverno i ragazzi amano sperdersi per i viottoli, fra gli spiazzi e le case. Ieri come oggi.

Si giocava a nascondino, il pomeriggio gonfiato di luce per l’allungamento della giornata.

Ecciàaaa… era il grido che dava il segno che tutti gli altri erano nascosti e a chi toccava doveva ingegnarsi a trovarli. Fra i cameroni, la piazza, la parata.
Ne nacque una poesia ‘a uagliunera (“All’anema ‘i Ponza” – Ponza 1981 ), oggi musicata.

L’idea venne a Tonino Esposito. Ne fece una bozza. La sua lontananza da Ponza ha indotto Nino Picicco e me e riprenderla.

Eccola qui (in file .mp3)

 

’A uagliunera

 

Quanno ’u sole se mena a Ciancosse

e ’stu cielo s’è pittato ’i russo

nt’a ’stu tiempo ’i primmavera

s’arrauna ’a uagliunera.

Ce sta ’nu santo ca l’ha dda aiuta’

’sti uagliune pe’ se truva’

tutt’assieme a chillu posto

manco l’avessero fatto apposta.

E siente allora chi allucca e chi strilla,

ce sta chi rire e se ratta ’i palle

scappeno, fuieno all’impruvviso,

lascianno ’u fesso cu tant’i naso.

Mentre ’u silenzio scenne ind ’i case

’a luntano se sente alluca’

Eccià… eccià, pe’ dice vienece a truva’

eccià… eccià pe’ dice vienece a truva’.

Mò s’appiccecano a chi è stato fatto,

scazzelluso nun fa’ ’u matto

e se suda pe’ bbone doie ore

fin’a che nun cala ’a sera.

Allora cagne ’a musica e siente

e chesta ’i bbuono nun prummette niente.

’I mamme ’a copp’i balcune

chiammeno forte a ’sti uagliune

So ’i mamme ’a copp’i balcune

chiammeno forte a ’sti uagliune.

Antooo … ’nte rumpe ’i cosce a veni’ cca

Antooo … nun truove ’a via pe’ t’arreterà.

Puozza scula’… pienze sulo a ghiuca’

puozza scula’… pienze sulo a ghiuca’.

S’è fatta ll’ora,

’a baldoria fennesce

’a uagliunera p’i vicule se nn’esce.

Quieta scenne ’a sera

e ’a sott’a ’sta suèra

dorme ’u paese e spera

’i sentì ’sta uagliunera.

Ragazzini tra S. Antonio e Giancos

‘Uagliunera ai tuffi da sotto Gennarino a mare

Antonio, il monello chiamato a squarciagola dalla madre l’ha ascoltata e ha sorriso. Pacatamente, come vuole l’età.
Giancos si arrossa, le case sono animate dai Ponzesi indaffarati. E ‘a uagliunera ? In giro ce n’ è poca. Pochi bambini, poca allegria.

Uagliunera a un matrimonio

 ‘Uagliunera sulla Piazza, per un matrimonio

Carnevale 1970

‘Uagliunera al Carnevale del ’70

Nota
Foto dall’archivio Giovanni Pacifico

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.