Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0031-031 0034-034 bn2 30-07-2005-19-31-11_0003 barche-tirate-a-secco Prateria di Posidonia oceanica

Carciòffele e fave

Condividi questo articolo

by Sang’i Retunne
Carciofi e fave

 

Sang’i Retunne – Ma che faie tutt’i sere a basci’a caletta?
Giggino – ’Uard’u mare, pecché!?

SR – Guardi il mare? E da quanto tempo sei diventato romantico?
Gg – Ie nun song’ mica romantico… ie song’ interista.

SR – Si vabbuò. Ma cosa guardi in mare?
Gg – ’Uardo il mare e penz’…

SR – Allora la cosa è veramente grave. Non ti so vedere così impegnato culturalmente. Ma famm’a capi’… cosa pensi?
Gg – Penz’: – ’uagliò, ccà te stann futtenn’!

SR – E che bella scoperta che hai fatto. Cosa ti ha fatto pensare a una tale situazione? Il mare?
Gg – Ma tu he visto che cca p’a via ce sta chiù ggente ’i notte ca ’i iuorne?

SR – A sì? Non ci avevo fatto caso. E con questo?
Gg – E con questoooo? È propie là sta ’u ’uaie.

SR – Cosa c’è di male se c’è una vita notturna anche d’inverno?
Gg –Tutto ce sta ‘’i male! Pecché mentre ca uno dorme l’ate te fotte. Hamma tene’ all’uocchie arapute… pure quanne durmìmm’!

SR – Ma daiii. Non è vero. E perché ti dovrebbero fregare proprio di notte?
Gg – Perché ’i notte ’a ggente onesta dorme, e quando ’a mattina se sceta oramai è tutte fatte.

SR – Fatto da chi?
Gg – D’i figli ’i sfaccimme… ccà n’è chine.

SR – Io questa cosa non la vedo e, secondo me, non è vera.
Gg – A no? Verucciéll’ t’u ricuòrd’ ch’appicceco cu’ Peppe ’a luce?

SR – Come no? Li abbiamo dovuti dividere più di una volta.
Gg – E ch’ora era?

SR – E mò che ne saccio… Era ’i matina?
Gg – Ecco, bravo. ’A sera dopp’ so’ ghiut’a pesca’ a tuòten’ anzieme.

SR – Ma tu che cazz’ dici?
Gg – Duorme duò….. chisti cca ’i iuorno s’appiccechene e ’a notte vanno a pisca’ ’nzieme. He capit’o no?

SR – Ma che è? …una strategia politica?
Gg – Ma qua’ politica: è tutt’ n’arrobba-arrobba. Un’ è tranquillo ca stann’ appiccecàt’ e chill’… zacc’! …te fòtten’i notte.

(Qualche tempo dopo)

SR – Giggi’, ma ch’è stato?  T’hanno acciaccato ’i ’sta manera?
Gg – ’A colpa è d’u mare.

SR – Cosa c’entra il mare?
Gg –  Era aggitato, nun me faceva concentra’… ed allora me so’ mise a ’uarda’ ’i ffave.

SR – ’I ffave?
Gg – Sì s’…. A ’nu ciért’ mument’ aggie viste tre ombre che currevano ‘ndi cardule ’i carcioffele ’i zi’ Mariètta.

SR – Azz!
Gg – Allora aggie penzàte: starann’ apparann’i trappule p’i perrill’i fave?

SR – A chell’ora ’i notte? Forse ievene truvànn’ ’i maruzze?
Gg – Macchéee, se steven futtenn’i fave e ’i carcioffele.

SR – Tu he capite niente? ’Sti piezz’i fetiént’. Allòr’ so’?
Gg – Ma chest’ nn’è niént’! …sai quante me n’aggio futtute ie? Uuuuhhh!

SR – Pure mariuolo? E allora quale sarebbe ’u problema?
Gg – Quale è ’u problema? ’U problema è proprio chi èren’ alloro.

SR – E chi erano?
Gg – Zi’ Michele, Verucciell’ e Cuncetta…

SR – Azzz! E nun stevene appiccicati l’une c’allate?
Gg – Siente sieeee…  Mentre ie m’i ’uardave zittu zittu, è spuntato all’improvviso uno tutte pelàt’, c’all’uocchio ’i pazz’, ’i recchi’a palette e ’nu sigario mmocca… e m’ha ditt’: “Uè, cafone ponzese, che cazzo te guardi? Solo così qua se po’ mettere d’accordo ’sti stronzi. Hai capito?”.
E m’ha rutt’ ’na butteglia ’i rum ’ncapa… vacànt’ però!

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.