Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-51-35 a3-23a a-03 m q-23 59

Sto facenn’ ’e bbalice

Condividi questo articolo

proposta da Sandro Russo
I bbaligie

 

Con lo stile minimalista che i napoletani hanno inventato ben prima dei moderni americani (Carver & Co.) Eduardo ci propone un’affascinante poesia (detta per YouTube da Gianni Caputo) sul tempo dei bilanci e il senso della vita.

Sto facenn’ ‘e bbalice! – dice Eduardo. Il non dimenticato Ernesto Prudente diceva spesso, negli ultimi tempi: Stong’ ’ncopp’a luàta!

Non conoscevo questa poesia; ho ricevuto la segnalazione e così la ripropongo:

.

.

Sto facenn’ ’e bbalice.
Me so’ mmiso
a scartà’ carte,
lettere, ritratte,
tutt’e commedie ca nun aggio scritte,
’e ccose belle ca nun aggio fatto:
ccà stann’ ’e fessarìe,
ccà stann’ ’e fatte.
Ma che me porto,
che m’aggia purtà’?

Tu, quanno parte
Pe’ stu viaggio luongo,
ca nun saie si accummencia
o si è fernuto,
comme puo’ dì’:
” Me porto appriesso ’e fatte “,
oppure:
” Mò me porto ’e fessarìe “?

Io me ’nce song’ miso
c’o penziero
e,
’a verità,
ve dico chiaro e ttunno,
aggio ditto:
“ Mò faccio a capa mia:
me voglio purtà’ ’e fatte a ll’ato munno,
e llasso ’nterra tutt’e fessarìe ”

Eduardo. Teatro è..

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.