Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-22 lfi c2-19 c1-16 ponza-cala-feola-sottocampo-1952-mario-sandolo-con-nonna-maria-avellino 45

Siparietto primaverile

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Divieto di turpiloquio

.

E’ tempo di festa, è tempo di primavera, c’è un frizzo anche nei discorsi della gente.
Riporto quanto ascoltato e mi scuso dell’ardire linguistico ma… per riproporre l’effetto che ho provato io, occorre riportare tutto, per filo e per segno.

Stamattina i tre d’a piazza discutono sul dialetto.
‘U prufessore sta cercando di far capire ai suoi amici quella che lui chiama la legge della continuità.

“Il dialetto – dice – evanescente nelle regole strutturali perché basate sul ricordo orale, persegue tuttavia una sua norma. Anzi più di una, e fra queste c’è quella della continuità. Cosa voglio dire? Faccio un esempio:

 

Si ‘a mamma ‘a chiammeno ‘a pelosa

‘a figlia è ‘a pelusella,

e si ‘a mamma è ‘a vavosa

‘a figlia è ‘a vavusella.

Accussì ‘u figlio d’u zimbero

è zembariello,

e ‘u figlio d’u vaccaro

è ‘u vaccariello

Tanti so’ gli esempi

ca se putessere dice.

‘A figlia d’a ‘nzevosa

è ‘a ‘nzevusella,

e  ‘u figlio ‘i scardone

è ‘u scardusiello

A cosa se complica nu poco

si vulimmo sape’ comme se chiamma

‘u figlio d’u cazzo

eh… pecché… ‘a verità,

simmo tutte figl’i cazzo.

Però… però… comme se chiamma

‘u figlio d’u preuto ?

‘U figlio d’u preuto

se chiamma acquasanta

e ‘u preuto…

se chiamma merdaviento

Nulla da dire… lezione esemplare ! Sì, “ma chi sono quei tre “ – chiede ‘nu ‘uaglione?
“Song’ i tre d’a piazza: capa tonna, capa quadra e cap’i cazzo”.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.