Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-05 l-02 k2-30 l-07 t6-24 62

Rinascita per Ponza sull’opportunità di non inquinare altri siti di Ponza

Condividi questo articolo

riceviamo in Redazione da parte di Rinascita per Ponza e pubblichiamo

Ponza vista da Monte Pagliaro

 

Lettera Aperta

All’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Ponza Francesco Ambrosino
Ai Consiglieri Comunali di Minoranza Ferraiulo e D’Arco
Oggetto: ISOLA ECOLOGICA
Veniamo a conoscenza che con determina n.34 del 23 marzo dell’assessore Ambrosino (all. in formato pdf) viene conferito all’ing. Marco Gentilini, per un compenso di 21.000 €, l’incarico di individuare un’area per un’isola ecologica, progettarla e predisporre gli atti per eventuali espropri.
Signor   Assessore questo incarico  lascia pensare che l’Amministrazione abbia deciso di abbandonare l’ex isola ecologica comunale di Monte Pagliaro e – in vista del nuovo appalto per lo smaltimento di rifiuti urbani, in fase di aggiudicazione –  collocare altrove l’isola ecologica comunale, ossia il punto di stoccaggio temporaneo dei rifiuti.
Il territorio isolano è fragile e limitato,  non possiamo permetterci il lusso di inquinare altre zone dell’isola per cui è razionale  concentrare le strutture di tipo industriale  nella zona Monte Pagliaro già di fatto caratterizzata dalla costruzione della nuova centrale elettrica.
Signor Assessore noi riteniamo che andare ad occupare un’altra zona di Ponza collocando altrove l’isola ecologica sarebbe uno spreco di risorse economiche e  territoriali  anche perchè esiste una vasta area Comunale in zona Monte Pagliaro (sequestrata nel 2011 perché inquinata ma sembra solo in parte) per cui ancora disponibile.
In questa zona c’è il vecchio Compattatore mai utilizzato che potrebbe essere adattato per ospitare il nuovo impianto di compostaggio e l’area ecologica in modo da non sprecare  denaro pubblico e anche spazio economico-ambientale dell’isola.
La necessità di costruire l’isola ecologica manifestata nella determina n. 34 del 23 marzo dell’assessore Ambrosino con conferimento dell’incarico  all’ing. Marco Gentilini vede nelle ragioni di compatibilità  pianificatoria e di opportunità di salvaguardare dall’inquinamento altri siti isolani la necessità di  concentrare a Monte Pagliaro le strutture industriali.
Queste ragioni devono stimolare l’amministrazione ad impegnarsi in  trattative serrate con la magistratura con le istituzioni politiche ed ecologiche, magari anche istituendo una conferenza dei servizi per accelerare procedure di consegna dell’area  sotto sequestro  (o parte di essa) rendendola disponibile per la realizzazione dell’isola ecologica nella zona Monte Pagliaro.
Ma anche se la strada per liberare la zona sequestrata e quindi il riadattamento della struttura del compattatore risultasse troppo lunga, noi insistiamo che i nuovi terreni da espropriare, per realizzare l’isola ecologica, siano individuati nelle zone adiacenti alla costruzione della nuova centrale elettrica sempre in zona Monte Pagliaro.
Sicuri di aver rappresentato una esigenza di tutta la cittadinanza porgiamo i nostri saluti
RINASCITA PER PONZA

Ponza nuova centrale elettrica

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.