Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0018-018 miniera 98 hp0050 barca-di-palone Idraulica antica: fosso di regolarizzazione

Dottore chi legge

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i Retunne
La Laurea

 

Sang’ ’i Retunne – Giggì, ma che t’he mise ’ncapa? Mi pare ‘n’astronauta.
Giggino – E tu ch’he capi’. È ’nu cappiello militare: era d’u nonn’ mio, capitano allunga ’a corsa.

SR – Sì, e accorcia ’u passo. Ma ’u cappiell’ nun se vede chiù, l’he incute ’i cianfrusaglie comm’e ’n’albero ’i Natale.
Gg – Song’ gli addobbi onorifici della mia carriera.

SR – Azz! ’Na cosa seria.
Gg – Anfatti, ’u primme ca rire ’u struppéo ’i mazzate.

SR – Allora fammi capire la carriera. Questa che è?
Gg – Chest’è ’a patacca che m’hanno date quanne so’ state a Guardallànn’.

SR – E che è? Ah! Gardaland! Scusa, e mica è un riconoscimento?
Gg – Azz! no? Là aggio visto p’a primma vota ’u trenino lillipuzziano e perciò quando è arrivato a’ vie ’i cca, ie sapeve ggià tutte cose… no chesta massima ’i’gnurant’ cafune ca sanno sule critica’.

SR – Stamm’apposta. E questo cos’è?
Gg – So’ doie zizze d’argient’.

SR – E dove le hai meritate?
Gg – Song’ abbonato ’a 30 anni a Pleybboy.  

SR – I’ che carriera! E questo ciondolino?
Gg – Chest’è ’na beccaccia d’oro.

SR – Azz, l’hai meritata per gli abbattimenti di beccacce?
Gg – No no, pe’ tutte chelle c’aggie perze.

SR – Questo è un tappo di birra d’argento? È un cimelio?
Gg – Se vede ca si’ propio ’gnurante. Chest’è ’a medaglia p’a centesima butteglia ‘i rum. M’ha regalate n’amico.

SR – Ué, ma chisto è ’nu stemma fascista! È vietato, nun ’o puo’ purta’.
Gg – Ma che vietato e vietato: mò ccà  va assaie ’i moda.

SR – E chist’è San Gennaro? Che c’entra?
Gg – No, è San Vittore. Nun ze sa maie.

SR – Madonna Giggi’, sei una potenza. ’Stu cappiello è  ’na bibbia.
Gg – Cheste l’aggie guadagnate ‘sul campo’; mò me servesse cocche piezz’i carta, inzomma qualche titolo. ’U ssaie, ’nda vita nun se po’ mai sape’, uno po’ tene’ bisogno, cu’ tutti ’sti prefessure in circolazzione uno adda addeventa’ pe’ forza duttore.

SR – I pezzi di carta con i relativi titoli bisogna acquisirli, mica sono come i biglietti del luna park.
Gg – Tu te lo sei acquistato?

SR – Acquisitoooo ! ’Uagliò, per tua norma e regola io ho studiato otto anni per laurearmi.
Gg – Tutte tiempe perze: si’ arrimasto ’gnurante. E po’ a te a che te serve? Stai pure a spasso. Vinnamill’a mme: m’u’ccàtt’ ie. Te pave bbuone!

SR – E ch’hamme fatt’? ’U banco d’u ssapone? I titoli accademici non si possono vendere.
Gg – A no? E che vuo’ dice… che cca so’ tutti meritati?

SR – I meriti non li conosco, ma comunque non sono stati comprati.
Gg – Ma famm’o piacere, cammi’..! 

SR – Non scherzare su questo: il fatto è serio, la legge è chiara: i titoli accademici devono essere conseguiti con la laurea. Altrimenti è usurpazione di titolo.
Gg – P’a legge ’taliana! Ma ccà nun è accussì.

SR – ’Uagliò, addo’ staie staie, il titolo non si può acquistare: è chiaro?
Gg – E ie te dic’ ca nun è vero. Presempio Zi’ Michele è addeventate salumiere pagann’ ’a licenza. E mo’ s’a venne, e ci ha fatto ’na bella ratta ’ncoppa.

SR – Non è la stesa cosa: ‘salumiere’ non è un titolo accademico.
Gg – A no? E ’u dottore?

SR – Chillo si: ci vuole la laurea però.
Gg – E c’a cammumilla che s’addeventa?

SR – Giggi’, nun pazzià, ci vuole la laurea non ’a laura.
Gg – Ma tu si’ duttore?

SR – Sì, in legge.
Gg – E io saccio legge: ia’… vénnemene ’nu piezze, famma addeventà almeno ’nfermiere.

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.