Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-06 30-07-2005-19-29-18_0002 v4-14a-bis ss19 33 viso-ponzese

Romani di ieri e romani di oggi

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i Retunne
Soldato-romano-asterix

 

Giggino – Secondo me gli antichi pariolini ci’hann’ arruinàt’.
Sang’ ’i Retunne – E chi sarebbero costoro?

Gg – Uggiesù, chille ch’hanno fatto l’impero romanista, no?
SR – Giggi’, come al solito, stai facendo un po’ di confusione. Quelli erano gli antichi romani, non erano né pariolini e né romanisti.

Gg – A no? E perché i pariolini ’i ddò fòssene? ’I Milano? ’I Napoli o ’i Ginevra?
SR – Sono di Roma, è vero, ma non c’entrano con gli antichi romani. Comunque perché ci avrebbero rovinati?

Gg – E so’ dumande ’a fa? Hanno mise sott’ e ’ncoppa ’n’isola sana. Io mò vulesse assape’: i verdi addò steven’ quann’ ’sti sfaccimm’ hann’ fatto ’stu maciell’.  E’ tutta ’na cammurrìa.
SR –  Ma allora non esistevano i verdi… quello che dici non è vero! …Allora si può sapere che hanno fatto?

Gg – Se vede propie ca si’ amic’alloro. Hanno spertusato tutt’allisola ch’i rettune: ’i Sant’Antuono, Santa Maria, Chialiune. Hanno scavàt’ pescine tuorno tuorno: ’i cisterne… bell’arrobba! Hanno scavato ’i rrott’ sott’u cimitero, a cost’i fa’ sprefunna’ tutte cose. Hanno fatte ’i ville comme ce parev’alloro… E che cazz’! So’ cos’a fa’?
SR – Giggì, ma che dici? Quelle sono state opere fondamentali per l’isola: sono strutture preziose e monumenti unici.

Gg – A sì? E provace mò a fa’ ’na rotta o ’na pescina: t’arresteno ’i subbete.
SR – Ma non è la stessa cosa… Gigg’ tu he ’a’rraggiuna’.

Gg – Secondo me te sbaglie tu. E’ ’a stessa cosa.
SR – I romani si stavano insediando per abitare l’isola, quindi le costruzioni erano necessarie e consentite.

Gg – A sì?
SR – E certo.

Gg – Ah! Perciò che mmò i romani ponne frauca’ ’i ville, fa’ i pescine, vie, muri, ciesse? Nun è cagnato propiete niente.
SR – Questa cosa a te chi te la dice? Mò nisciune po’ frauca’: nemmeno i romani.

Gg – Apprimma sì e mmò no?
SR – E’ così.

Gg – E secondo te, chegghiè ch’è cagnato?
SR – Sono cambiate le leggi e le necessità urbanistiche e paesaggistiche.

Gg – Inzomma… ce stann’i verdi!?
SR – I verdi ci stanno, ma non sono loro a determinare questa cosa!

Gg – Allora sono gli amici dei verdi? I pariolini?
SR – Giggi’, i pariolini ed i verdi non c’entrano nelle regole paesaggistiche. E’ chiaro?

Gg – Ueee ’ndà ‘ngazza’ he capito? Si te faccie cocche dimanda è pe’ cerca’ ’i capi’ ’a differenz’ tra tanno e mò.
SR – C’è differenza, certo: di tempo.

Gg – Ma qua’ tiemp’ e tiemp’: secondo me ccà nun è cagnate propete niente!
SR –  Dici?

Gg – ’Uagliò, romani viecchie e nuov’ fann’i cazz’alloro. Ccà gli unici ca nun ponne fa’ propiete niente simme nuie..! Chest’è!

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.