Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e h-27 i-34 35 68a corrida5

Libertà: l’indipendenza della Tunisia

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
Tunisia.1

 

Il 20 marzo 1956 la Tunisia riconquista l’indipendenza. Quest’anno, purtroppo, le celebrazioni sono state precedute dai noti fatti di sangue che hanno mietuto molte vittime, tra cui 4 italiani, perciò tale ricorrenza assume un duplice significato: la libertà dal colonialismo, ma anche la libertà dai ogni forma di terrore, richiamato anche dal poeta Oscar Wilde (1856 – 1900) in “Sonnet to Liberty”, “Sonetto alla Libertà”, composto nel 1881.

Proprio in quell’anno, nel mese di maggio, le truppe francesi sbarcarono a Biserta dando il via alla colonizzazione della Tunisia.
Appare evidente lo sconcerto del poeta di fronte ad un evento così grave: la Francia, con la sua rivoluzione del 1789, aveva inaugurato un’era in cui finalmente venivano affermati i sacri principi di liberté, egalité, fraternité ed ora, in modo cruento, si apprestava a sottomettere un popolo libero.
Di fronte al modo con cui i francesi calpestano questo termine sacro: “Libertà” insorge con tutta la sua ironia il grande poeta irlandese.

Sonnet to Liberty 

Not that I love thy children, whose dull eyes

See nothing save their own unlovely woe,

Whose minds know nothing, noting care to know,

But that the roar of thy Democracies

Thy reigns of Terror, thy great Anarchies,

Mirror my wildest passion like the sea,

And give my rage a brother ….! Liberty!

For this sake only to thy dissonant cries

Delight my discreet soul, else might all kings

By bloody knout or treacherous cannonades

Rob nations of their right inviolate

And I remain unmoved … and yet and yet,

These Christs that die upon the barricades

God knows it I am with them, in some things.

.

Per i motivi già specificati nelle precedenti traduzioni, avremo una poesia non di 14, ma di 19 versi.

Manifestazione_tunisi

 

Alla Libertà

Non credere che io provi amore

per i tuoi figli, i cui occhi assenti

non vedon altro che tanto dolore

e ignoran tutto pur le loro menti:

per lor nessun sapere ha più valore.

Ma le Democrazie tue ruggenti,

le Anarchie e i regni del Terrore,

sono per me folle, onde riflettenti,

mi urlan: “Libertà! fraterno amore!”.

L’anima mia tanto riservata,

per le tue forti grida dissonanti

t’è grata perché in fondo è “deliziata”

da orride nerbate assai cruenti

di re con le lor vili cannonate,

dei popoli i diritti depredanti.

Ed io resto immoto a tali eventi,

ma coi morenti Cristi che adoro,

su quelle barricate resistenti,

Dio sa che in qualche modo son con loro.

.

Di Silverio Lamonica, in condivisione con: www.buongiornolatina.it

Condividi questo articolo

1 commento per Libertà: l’indipendenza della Tunisia

  • silverio lamonica1

    Con Oscar Wilde si conclude la “tetralogia” degli autori inglesi da me tradotti in italiano: un’esperienza interessante. Ma nel corso della mia ricerca su internet ho scoperto che anche autori italiani sono stati tradotti in inglese, uno per tutti Mercantini: “La spigolatrice di Sapri” – http://www.bartleby.com/270/5/339.html – che segnalo agli studenti, dell’I. C. Carlo Pisacane di Ponza, in modo particolare, come utile esercitazione.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.