Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

belgiorno f-96 k1-17a q-23 veduta-spiaggia-con-barche Idraulica antica: cisterna della Dragonara

Ienche e svacante

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i Retunne
Cavezzali.3

 

Giggino– Ma pecché zi’ Michele alluccava cu’ Becienze?
Sang’ ’i Retunne – Discutevano sulla questione delle vecchie cisterne.

Gg – Mamma mia! È ’na vita che sento ’sta storia: nun se ne po’ chiù. Abbasta, pe’ carità!
SR – A sì? Tu hai sempre sentito parlare delle cisterne? Non è una cosa di adesso?

Gg – Ie ce so’ nato mmiezz’ a chist’u problema! I ghiastemm’i patéme erano tutte contr’a ’sti sfaccimm’i cesterne. E mammà diceva: “Statt’ zitte strunz’, ca si te sente ’u sinneco so’ cazz’!”.
SR – Addirittura? Non immaginavo tanta passione per le cisterne.

Gg – Passione? Necessità, àte che passione.
SR – Ora ne hanno sistemate due, ma pensano di recuperarne altre.

Gg – Due? E hanno peggiorato. Ai tiemp’ miei ereno almeno quatt’ i cisterne scassate.
SR – Quattro? Allora non è vero che il sindaco le ha trovate lui?

Gg – Ma che ne saccio, ccà nun se capisce chiù niente: pure ’u mare l’hanne ’nventat’ alloro.
SR – Comunque la cisterna della Dragonara è veramente bella.

Gg – ’A cesterna ncopp’a Craunara? E come madonn’ l’hanno carriata llà ’ngopp?
SR – L’hanno scavata nella montagna i romani, mica l’hanno portata.

Gg –  Chilli cazz’ i pariolini hanno scavato ‘na cestern’i llacqua ’nda muntagna? E comme fa a navigà?
SR – Giggì, ma che cazz’è capito? Non la nave cisterna, io sto parlando delle cisterne per la raccolta dell’acqua piovana.

Gg – Io vullesse sapè chi so’ ’sti prefessure che cagnene i parole noste: chille se chiamma Puzz’a Craunara. Che cazz’è sta cisterna? Ma iat’ a ffa mmocc’ i mmamme voste.
SR – Non ci sta niente da fare, ha ragione: siete dei cafoni.

Gg – Io po’ vulesse sape’ che appulezzano a fa ’na pescina scassata. Invece ’i fa ll’acquedotto, acconciano i muort’ viecchie, spertusate comm’i colabrodo e chine ’i munnezza?
SR – Serve per l’attrazione turistica: è un monumento della storia.

Gg – A si? ’N’abbasta ’u monument’ mmiezz’a piazza, ce ne vulevano ate scassati? E po’ comme fa a attirà i turisti? Famm’accapì?
SR – La gente colta ci tiene a visitare certe opere. Le apprezza. Solo l’ignorante non capisce.

Gg – Allora, vediamo se ho capito. Un turista prenota la nave, paga il biglietto, la tassa di sbarco, paga l’albergo, il ristorante, il bar ed invece di andare a fare il bagno abbusivo nelle zone rosse, se ne va a visitare ’a pescina scassate ’i sòrete. Ma va va!
SR – E’ mai possibile che punti sempre e solo su un turismo balneare? Si devono attivare anche altre attrazioni. Bisogna lasciare il mare a chi lo sa sfruttare: ccà pe’ nuie è diventato pericoloso. È penale.

Gg – E secondo te uno vene ccà ‘e spenn tant’i sordi pe s’e nfelà ndà na rotta scassata?
SR – Sì, po’ esse.

Gg – Secondo me si’ chiù grave ’i comme pare e chi te mette ’sti ccose ’ngapa, ha sbattùt’ c’a capa ’nderra quand’era criatur’.
(Qualche tempo dopo)
SR – Giggì addò curre ’i ’sta manèr’?
Gg – Teng’a cheffà, m’aggia ppreparà pe’ stanotte.

SR – Vai a  cercare le maruzze, o che?
Gg – Ce sta poco ’a pazzià, avimmo truvat’ na’ fatica conveniente. La gente non ci dà pace e paga bene.

SR – A sì? E perché di notte?
Gg – Se fatica meglio e nesciune rompe ’i scatule.

SR – Facite ‘i guardiani notturni?
Gg – No, macché: faticamm’ ’ndi puzze, insomma ’ndi cisterne, comme cazz’ i chiamme tu.

SR – Caspita! …e facive tanti storie? ’Uvvi’ che poi anche tu ti sei convinto della bontà dell’operazione? Fai la guida?
Gg – Ma che si’ scemo? Iettamm’ ’a terra ’i risulta dint’ a chelle che iss’ nun ha ancora scupert’.
Ci sta chi iench’… e po’ chi svacant’. Chest’è!

Venerdì pesce

Immagine di copertina: vignetta di Massimo Cavezzali

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.