Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_14-18-30 k1-18a v7-19 ss20 96a silverio-mazzella

Sul mare. Da Keats a Ponza

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
Isle of Wight. The needle and lighthouse

 .

A dir la verità, leggere “temi marini” su Ponza Racconta mi fa sempre tanto piacere e, checché ne dica l’amico carissimo Sandro Russo: “Contro il Mediterraneo dei Poeti” (leggi qui), io non rinuncio a dire la mia su un tema tanto affascinante.

A tale proposito propongo il sonetto “On the Sea” che il poeta inglese John Keats scrisse nel 1817 , durante un suo soggiorno all’isola di Wight.

Isle of Wight_scogliera

On the Sea

It keeps eternal whisperings around
Desolate shores, and with its might swell
Gluts twice ten thousand Caverns, till the spell
Of Hecate leaves them their old shadowy sound.

Often ‘tis in such gentle temper found,
That scarcely will the very smallest shell
Be moved for days from where it sometime fell
When last the winds of heaven were unbound

Oh ye! Who have your eyeballs vexed and tired,
Feast them upon the wideness of the sea;
Oh ye! Whose ears are dinned with uproar rude,
Or fed too much cloying melody

Sit ye near some old Cavern’s Mouth and brood,
Until ye start, as if the sea nymphs quired

 Isle of Wight.1

Non è semplice tradurre i versi del grande Keats, che in un certo senso anticipa i nostri poeti “ermetici” del secolo successivo. Però il senso l’ho colto e, per quanto riguarda alcune figure mitiche, come la dea Ecate e le ninfe del mare, le ho sostituite con “Luna” e “Sirene”, anche perché ho azzardato una versione nel nostro vernacolo ponzese – napoletano in endecasillabi sciolti:

I faraglioni di Lucia Rosa a Ponza

Pe’ Mmare 

‘Ndà cchesta spiaggia, addò ’nce sta nisciuno

’u mare murmurea nott’ e ghiuorno

e a migliare ’e rrotte so affamate:

se saziano cu ll’onne appetitose.

E dint’a lloro so remmure antiche

remmure eterne cà sul’a Luna o’ ssape.

E spisse ’o’core sujo è troppo bbuono

cà nun ci ’a fa a move ’na patella

fosse ’a cchiù petta… Po’ ’o viente vene

cà smove tutte ll’onne quann’ è vierno.

Ma si, chist’uocchie tuoje chin’e chianto

fall’addulci’ uardanne chistu mare;

si nun ci ’a fai a senti’ chi rrecchie toje

chillu rummore ’e ll’onne ‘nfaccia ’i scoglie,

si ’u mare troppo calmo te disturba,

assettate vicin’a cchella rotta

ca proprio llà mò cantano ’e Sirene.

 

…con l’auspicio che i carissimi amici Franco De Luca, Tonino Esposito e Nino Picicco ne possano ricavare un arrangiamento musicale…

Isle of Wight.2

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.