Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-16_18-58-30 k1-15a k2-18 im-13 v3-11a 34

Saluti e baci da…

Condividi questo articolo

di Gabriella Nardacci
Maenza. Veduta_panoramica

.

Quando vado a trovare mia madre, è inevitabile che si torni, con i discorsi, indietro nel tempo.

La memoria lunga delle persone anziane è preziosa ed è una fonte orale inesauribile di riferimenti storici dettagliatissimi. Mi ritrovo ad ascoltare con interesse storie preziose accadute realmente ma che sembrano inventate, tanto mi riportano in una dimensione a volte onirica e altre volte surreale.

Lei racconta di streghe e di briganti, di tesori nascosti nelle grotte e nei muri delle case… di sogni che si sono avverati e di amori contrastati o lontani… di lettere d’amore scritte dal fronte o dai campi di prigionia: cartoline con la foto del proprio innamorato e brevi frasi in cui si leggevano la nostalgia di casa e la paura di una promessa non mantenuta.

Mia madre, a domande più precise, mi risponde che non ricorda bene se sua madre avesse conservato qualche cartolina del primo novecento, ma nella sua testa ci sono ricordi ingarbugliati di cartoline illustrate dedicate a qualche Papa o foto a colori, probabilmente private, che ritraevano mamme con figli.

Anche se ha ricordi confusi, credo si riferisca alle prime cartoline illustrate apparse nel 1900 e si ricorda che sua madre le conservava insieme a certe fotografie in una cassetta di legno che poi è passata a lei.
Andiamo a prenderla, ma di quelle cartoline postali illustrate non ce n’è neanche una, mentre ci sono fotografie del padre e della madre e di lei bambina.

Le dispiace non potermi comunicare ulteriori informazioni ma di quel poco che ne so io, la informo. Le dico che la “Cartolina postale di Stato” in Italia apparve nel lontano 1873 con un francobollo prestampato con l’effige di Vittorio Emanuele II.

Cartolina postale
Rimane a guardarmi e poi mi dice: – Ah! …gliu rre! Eccerto che ce vularìa de ’sti tempi! Ma ie nun ero ancora nata ecco perché non me l’arricordo..!
Non le dico della cartolina postale in onore del Re Vittorio Emanuele III uscita in occasione del suo matrimonio con la principessa Elena di Montenegro (1896) e neanche che la “Cartolina illustrata” fu introdotta successivamente in Italia, dopo che in altri paesi europei era apparsa fin dal 1870. Fu l’Inghilterra che introdusse la suddivisione del retro in due  parti: una per l’indirizzo e l’altra per qualche essenziale pensiero; mentre la facciata anteriore mostrava foto dedicate a Papi, a famiglie e in seguito a vignette umoristiche, paesi lontani, monumenti e opere d’arte in genere.

Poi le parlo delle guerre mondiali e allora le si apre la mente. Ovviamente tralascia la prima Guerra Mondiale ma ricorda perfettamente la seconda e dice che sulle cartoline c’erano le fotografie dei soldati e di tutte le cose che faceva Mussolini (credo si riferisca alle opere del Regime…) e i paesaggi.

– Chissà che fine hanno fatto chelle belle cartoline! Ne teneva tante… Pensa che teneva puro chelle della Repubblica Italiana, un anno prima ch’è nato fràteto! So sparite tutte chelle belle cartoline! – dice un po’ risentita. Parla del 1947 quando sulle cartoline illustrate apparve stampata l’intestazione “Repubblica Italiana”.

In quel periodo mia madre andava a comprare il sale “co gliu fazzolettone” (ci tiene a precisarlo…) nella “Rivendita n° 1 di Sali e Tabacchi”. Il negozio oltre al sale e alle sigarette “popolari” vendeva anche qualche cambiale e le cartoline postali.

Poi la Rivendita passò alla figlia del primo proprietario e il negozio si spostò sotto casa mia. La nuova proprietaria era molto affettuosa con mia madre e con noi, allora bambini. Gli scaffali della Rivendita cominciarono a riempirsi anche di quaderni e aumentarono anche le marche delle sigarette.
Sul bancone apparvero dei grossi contenitori di vetro con caramelline di ogni tipo: alla liquirizia, alla menta, al miele, le mou e i formaggini di Topolino, a triangolo, di cioccolato con le nocciole che facevano gola a noi bambini.

Dopo questi grandi contenitori, c’era un espositore di plastica, girevole, con le cartoline illustrate. Ce n’erano di ogni specie: con i fiori e la scritta di Buon Compleanno e Buon Onomastico; dedicate agli innamorati con le coppie che guardavano un tramonto o che si scambiavano sguardi d’amore sui prati in fiore; con gli animali, per lo più cani e gatti ma anche cavalli e farfalle; di Buon Compleanno con le torte e le candeline fino a dieci (mi pare di ricordare così) e poi qualche cartolina in bianco e nero con il panorama di Maenza, con il castello baronale, la piazza e la fontana all’ingresso del paese; con l’interno della chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta in cielo, e anche una di via Circonvallazione da cui s’intravedeva quella lingua di mare con l’isola di Ponza.

Maenza piazza

Maenza. Part. piazzetta

Maenza part.

Vedute di Maenza

Quando la Rivendita fu messa in vendita, mia madre la comprò. Ne mantenne la clientela perché nacque anche la Rivendita n° 2 e ne ampliò la scaffalatura aggiungendo altra merce.

Anche l’espositore con le cartoline diventò più ricco. Le cartoline di Maenza cominciarono ad apparire anche a colori e i soggetti si estesero a qualche vicolo, al giardinetto con la tomba del Milite Ignoto, a via della Repubblica, alla scalinata che conduce al Castello Baronale in cui fu ospite S. Tommaso D’Aquino.

Di solito si rispondeva con una cartolina a chi ne inviava altre da fuori. Mia madre inseriva le cartoline che ci arrivavano, all’interno dei vetri scorrevoli della vecchia credenza. Ne ho scritte diverse anch’io.

Quando arrivavano cartoline con paesaggi marini, le conservavo tutte dentro una scatola di latta. Qualcuna l’ho ritrovata ed è stata una grande emozione. Ne ho accarezzata la grafia e ho ricordato addirittura l’emozione provata quando l’ho ricevuta. E son passati davvero tanti anni…

Ora le cartoline sono tutte bellissime. Si ha difficoltà a sceglierne una da scrivere a qualcuno. Se ne trovano di diversi tipi e con diverse e sofisticate tecniche. Peccato che nessuno scriva più a mano.

Tutti con questo computer che certamente non ci regala l’emozione di una penna, di una parola scritta diversamente da un’altra né ci viene voglia di accarezzarne la grafia…
Arrivano raramente anche le cartoline.
Due anni fa sono stata a Ponza con mia figlia e un’amica. Ho scritto una cartolina a me stessa, ma… scherzo del destino, non mi è mai arrivata.
Avevo scritto: “Saluti e baci calorosi…”. Forse sarò stata troppo spudorata?

Maenza. Scorcio_dall_arco

Maenza. Vicolo_con_scalette

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.