Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_13-47-13 i-12 i-29 l-02 k2-19 60

’A legge ’i Ponza

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Lezione di Economia copia

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’ secondo te che è ’sta legge ’i Ponza?
Giggino – E addò l’he sentuta, ’sta cosa cca?

SR – Ho sentito che ne parlavi pure tu con Zi’ Michele.
Gg – ’A legge ’i Ponza è ’na legge a voce ch’esiste sule ccà.

SR – A si? E comme funziona ’a faccenda? Famm’a capi’.
Gg – Mettimme ca tu nun tiene ‘a licenza pe’  fa’ ’u cesso ’i zi Maria… Fa’ ’stu cesso ’i notte e tir’a campa’.

SR – Ma che cazz’ dici? Me lo demoliscono.
Gg – E pecché… tu he viste mai abbàtte co’ccosa?

SR – Azz!
Gg – Mettimme ch’he fa’ ’na via e nnu tiene ’i sord’. Mitt’ in nero all’operaie e tir’a campà’.

SR – Ma si m’acchiapp’a Finanza me struppéa.
Gg – A te sì, ma ’u furbacchiòn’ che t’ha cummannàte se sarva.

SR – Azz!
Gg – Mettimme ca tu nu’ ttiene ’a licenza p’i ’mbrellune… Schiaffele addò capita capita, pure ’nda zzona rossa, e tira’a campa’.

SR – Ma che dici? Ho visto che li hanno sequestrati degli ombrelloni.
Gg – Bravo! …E ’a legge ’i cca funziona propie accussì. Finché va, tir’a campa’.

SR – Ma è anarchia, se ognuno fa come gli pare.
Gg – Ma qua’ anarchia e anarchia. È ’a legge ’i Ponza: a chi capita, capita… se capita; ma capita.

SR – Una legge variabile?
Gg – Sì. Ognuno fa comme cazz’ ce pare e piace, po’ chi è dinte è dinte e chi è fore è fore.

SR – Lo sai che non ho capito bene come funziona?
Gg – E tu si’ ’gnorante e sang’ bastard’: ’a colpa nunn’è ’a toia.

SR – Sarei bastardo solo pecché mamma mia nunn’è ’i cca?
Gg – Essì..! Ha ’nquinato ’u sang’ ’i retunno che è in te.

SR – A proposito: per un bastardo come me, questa legge vale?
Gg – Dipende d’u livell’ ’i bastardarìa.

SR – Che vuoi dire… che più uno è bastardo e più è inapplicabile?
Gg – Essì..!

SR – E da quando esiste questa legge?
Gg – ’A sempe! …è nata cu’ nuie: ’a tenimme ’ndu sang’.

SR
– Quindi non è valida per i forestieri?
Gg – Dipende. Nun sempe.

SR – E da cosa dipende?
Gg – Dall’interpetrazione popolare d’a bastardarìa d’u soggett’.

SR – Cioè..? Fammi un esempio!
Gg – ’Nu processo ch’ancora s’adda fa’, pe’ ’nu sang’ ’i retunne è già ’na cundanna; per ’nu bastard’ cumm’e te, no: s’adda aspetta’ ’a sentenza.  Chest’ è ’a legge ’i Ponza!

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

1 commento per ’A legge ’i Ponza

Devi essere collegato per poter inserire un commento.