Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0021-021 i-09 vdp-02 e-12 k2-15 sl372208

Evviva la Laziomar privata!

Condividi questo articolo

a cura della Redazione
Quirino nel porto di Ponza

 

Il 18 gennaio 2014 in un articolo su Latina Oggi, di cui riportiamo alcuni stralci, così il Sindaco si esprimeva:
Ponza ‘liberata’
…Ponza festeggia la liberazione dal giogo di Laziomar… “Mezzi in avaria non sostituiti per garantire le corse giornaliere previste dal contratto, mezzi in avaria che restavano fermi in banchina per mesi prima di essere avviati al cantiere…
(…)“Per fortuna l’Unione Europea ha imposto la privatizzazione e la Regione Lazio, con ritardi imputabili alla precedente gestione, ha finalmente privatizzato la società che, dopo un regolare bando di gara, da ieri è affidata a tre grandi armatori che vanno per mare da generazioni…” [peccato che avessero fatto cartello! vedi l’articolo di Repubblica sulla maxi multa dell’antistrust – leggi qui]
L’articolo così concludeva:
“L’arrivo dei privati è come l’arrivo dei nostri nei film western, per liberare la gente assediata e ormai allo stremo. Ecco perché Ponza – ha concluso il sindaco – festeggia e ricorderà questo giorno”.

Qualche mese dopo, così scriveva il sindaco a Vincenzo Ambrosino nell’articolo pubblicato su Ponzaracconta: “Una e-mail sui collegamenti marittimi di interesse pubblico”, il 18 aprile 2014 (leggi qui)
… “Anche la questione dei disabili l’ho posta subito, avendoli visti nel loculo dell’hangar e ricordandomi che la Terenzi aveva assicurato i sindaci delle due isole e la Regione che i lavori in cantiere per le navi Laziomar sarebbero serviti anche per allestirle con l’ascensore per i disabili. Non posso dire promesse da marinai, perché la Terenzi è una BRA (Braccia Rubate all’Agricoltura). I nuovi privati hanno risposto positivamente e hanno già chiesto l’autorizzazione agli Enti preposti la sicurezza della navigazione di poter utilizzare i saliscale cingolati che molte ditte costruiscono e vendono nel mondo per abbattere le barriere architettoniche. Su Internet si trovano centinaia di siti, con foto, video, testimonianze, di questi mezzi applicati alle sedie a rotelle, che sono alimentati da batterie e che possono scalare 15 gradini al minuto. Una soluzione pratica e moderna (…)

…E siamo ai giorni nostri (vedi articolo odierno su Latina Oggi ):
Ponza – Dal 3 marzo e fino al 13 marzo l’aliscafo Monte Gargano è fermo per lavori di manutenzione. Da alcuni mesi anche l’aliscafo Alnilam è sospeso. Nonostante siano state programmate soluzioni alternative con collegamenti tramite la Agostino Lauro, sull’isola di Ponza si sono registrati alcuni disagi.
Sulla vicenda è intervenuto il sindaco Piero Vigorelli che ci ha tenuto a precisare come le cose siano comunque cambiate rispetto al passato.
“In questi giorni Laziomar sta facendo le bizze. Non è una buona cosa e la gente è giustamente incavolata. Anche il sindaco lo è. Ma a differenza del passato, quando Laziomar era pubblica, adesso che è privata” (…)

Per l’articolo completo, da Latina Oggi, vidi il file .pdf a fondo pagina

Nostro commento
Cosa sta succedendo? Siamo passati dal trionfalismo di una anno fa al tentativo odierno di vedere a tutti i costi degli aspetti positivi? O dovremmo gioire perché i collegamenti comunque ci vengono in qualche modo assicurati?

L’Anilam aliscafo in dotazione per l’isola di Ventotene è in cantiere da tempo ed è ormai in disarmo perché non riparabile; il Monte Gargano è a Napoli a fare dei lavori prima dell’estate e non c’è data precisa di rientro (anche se il sito Laziomar per adesso riporta come data il 13 marzo).

L’Agostino Lauro dovrebbe coprire le due tratte con orari abbastanza buoni, ma a discapito di Ponza in quanto:
– non c’è più l’aliscafo della domenica alle 16 così come non c’è alle 6:30 del lunedì mattina;
– la stessa ‘non partenza’ di sabato pomeriggio pare sia dovuta all’ impossibilità di approdo a Ventotene; in ogni caso il mezzo non ha viaggiato neanche per Ponza.

Vorremmo anche sapere se almeno nella riunione prevista per i prossimi giorni, come si dice nell’articolo, verrà presentato anche il problema del Quirino che doveva andare ai lavori di manutenzione quest’inverno e nulla è stato fatto, come pure del tanto promesso ascensore che i ponzesi continuano ad aspettare.

 

Da Latina Oggi, lunedì 9 marzo 2015 pag. 20: file .pdfLatina Oggi – 9 marzo

Quirino

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.