Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

05-11-2005-19-19-41_0001 k2-32 pg ss18 16 Immagini storiche di Ponza

Il faro della Guardia all’Expo 2015

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

Faro della Guardia  FAI

 

Riprendiamo dal sito del FAI – Fondo Ambiente Italiano:

Ville, castelli, abbazie, boschi, monasteri: con ‘Most Beloved Italian Places’ puoi viaggiare attraverso alcuni tra i beni più amati dagli italiani, votati al Censimento I Luoghi del Cuore, e scoprire così piccoli e grandi gioielli del nostro Paese, da proteggere e valorizzare.

E tra questi gioielli c’è il nostro meraviglioso faro che potrà essere ammirato da milioni di visitatori.

Un viaggio fotografico tra i luoghi più amati dagli italiani segnalati al Censimento I Luoghi del Cuore, nel corso delle sue dieci edizioni dal 2003 ad oggi.

Most Beloved Italian Places  è un progetto del FAI in collaborazione con Expo Milano 2015  che intende raccontare le bellezze del nostro territorio care ai cittadini con uno sguardo particolare agli stranieri che visiteranno presto il nostro Paese.

La scheda di accompagnamento

“Faro del Monte della Guardia, Isola di Ponza (Lt), 6° classificato al censimento del 2012 con 31.123 voti.
Il faro, del 1886, si trova sul monte della Guardia.
Il faro a valvole solari si distacca da un fabbricato che contiene quattro appartamenti e diverse strutture tra cui un pozzo e un forno.
L’area ha una vegetazione e una flora marina intatte.
Il FAI insieme alle associazioni del territorio hanno spinto per l’istituzione di un vincolo architettonico-paesaggistico che ne permetterà il recupero.
(Angelo Antolino – Archivio Iconografico RCS Libri SpA)

faro della guardia all'ora del meriggio foto di Enzo Di Fazio

La presenza del faro della Guardia all’Expo 2015 rappresenta anche l’occasione per fare pubblicità alla nostra amata isola a costo zero e ciò si deve in massima parte – non ci stancheremo mai di ricordarlo – all’impegno profuso dalla nostra e dalle altre Associazioni nella campagna 2012 de “I luoghi del cuore”.

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.