Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-29 u-37 q-36 22 giovanni-darco-1973 sl372205

All’aneme d’i puòrt’ vuòst’…

Condividi questo articolo

by Sang’i Retunne
Paperelle nella vasca da bagno

 

Assuntina – Uueee! Tu he lascia’ perdere a Giggino… he capito?
Sang’ ’i Retunne – Ma perché, ch’è stato?

As – Tu si’ sceme, chill’è ’gnorante…. e facite ’a coppia iusta. Ccà hamma penza’ ’i ccose serie e no ’i scemenze voste. ’I chiacchiere nun se mangiano, he capito?
SR – Ma a cosa ti riferisci? Non mi pare che diciamo solo scemenze. E poi Giggino fa di testa sua: ti pare che ascolta me?

As – Ascolt’a tte, ascolt’a tte… sì! Chille pare furbo, ma è ’nu fesso, e se fa abbabbia’ d’u primmo strummulo ca dice cazzate: comme d’i cantastorie.
SR – Ma io cerco solo di farlo ragionare. Le storie gliele raccontano gli altri.

As – A sì? È ’na semmana che sta c’a capa ’ndà vasca ‘i bagno a fa’ ’u progetto. Isso e chill’atu scimunito ’i zi’ Michele.
SR – E che progetto?

As – Sì, sì, mittete pure a fa’ ’u sceme pe’ nun ghi’ a’ ’uerra! ’U ssaie bbuone..! ’U proggetto d’u puort’.
SR – Scusa e cosa c’entro io con il porto?

As – Ah, nun c’intre tu? Chi ci ha ditt’ ca i proggetti vanno verificati se sono fattibbili? Ca si se sbaglia, ’na volta fatto, so’ cazz’ pe’ tuttu quante e ce cacciene fore?
SR– Beh, è un’osservazione giusta: se il nuovo porto va a compromettere la già sofferente economia della comunità isolana, è meglio pensarci bene, prima di suicidarci.

As – Sient’ ’na cosa: chille Giggino me sta suicidann’a mme, he capito? Famme libera’ ’a vasca ‘i bagno d’a casa mia o ve rompo ’a capa a tutt’è tre. Mò abbasta cu’ ’sti strunzate!
SR – Ma io non so niente della vasca da bagno tua. Cosa ci ha messo dentro?

As – L’ha iencuta ’i cantune e ’i rena: ha fatto Cal’i ll’Acqua, ’u Furtino, ’u scoglio d’a Cantina. Se mettene isso e chill’atu sceme a fa’ i male tiempe, i cavallune… e me fanne zanchere  pe’ tutte parte. Si vedìss’… ’nu schifo!
SR – Effettivamente ’sta questione del porto nuovo è diventata come un’ossessione per tutti. Pur’i criature ne parlano. Come se tutti i nostri problemi irrisolti dipendessero dal porto.

As – A me nun me ne fotte ’a chi dipendono i probblemi… ma famm’ libera’ ’u cesso mio ca sennò ve scipp’a faccia a tuttu quante. He capite? All’anema d’i meglie puòrt’ vuòst’!


(Qualche giorno dopo)

 

SR – Giggì, ma che staie cumbinann’? Assuntina sta comm’e ’na pazza.
Gg – Chella scema me sta sbruvugnanne pe’ tutte parte. Avev’a esse’ ’nu segreto e invece mò ’u ssanno fino a’ Svizzera.

SR – Ma cosa?
Gg – Aimm proggettato ’nu progetto ‘i ‘nu puòrt’ a cchiù puòrt’… la cui somma, invertito l’ordine dei fetenti, il condotto non cambia.

SR – Giggì, scusa la mia ignoranza, ma non ho capito.
Gg – No nu puòrt’, no duie puòrt’, e manc’ tre puòrt’… ma sei puòrt’ assommati.

SR – E che è ’na collezione?
Gg – Uno a Cala Feola: e ce vo! Uno a Cal’ill’acqua: senza meno! Uno a Cala Cecata: ce vo! Uno a Cala Gaetano: ce vo! Uno a Fruntone: ce vo! Uno a Calenfierno: ce vo!

SR – Alla faccia! E che fai l’isola d’i puòrt’? E ’u puòrt’ d’u Puòrt’?
Gg – ’U puòrt’ d’u Puòrt’ a che serve? Se ienche c’a munnezza e se fa ’nu parcheggio. Tutta ’na ’nghianata, accussì a gente è cuntenta: se ponne mette ’i machine, ’i bancarelle cu’ ’na fila ‘i ciesse – ce vonne! -, quatt’ trenine e ’na muntagne ’i cupertune. Ce sta ’u posto pure pe’ mette n’ati doie centrale elettriche e sette dissalatori.

SR – Ma che cosa è chesta, tutta ’na cementata? E se uno vuol vedere la natura, il paesaggio selvaggio, insomma si vuole rilassare la vista?
Gg – Basta cu’ ’sti ccose passate, retrograde e d’i verdi: ccà amma guadagna’! Chi vo vede’ ’a natura se ne iesse a Centocelle… Hai voglia ’i ‘uardà.

SR – Ma a cosa servono tutti questi porti? C’è il rischio che i turisti si fermano solo sui porti e non vengono nel centro abitato.
Gg – E a te che te ne fotte? Stamm’ chiù ’ngrazz’i Die.

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.