Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v7-20 l-07 gs casa-di-vincenzo-darco pescatori-spiaggia La spugna nocciolina: Chondrilla nucula

Zannone. Lasciatela così nuda e cruda

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

Zannone 1

.

E’ il momento di Zannone. Visto che si sta parlando del suo futuro e di come si possa coniugare l’esigenza di una tutela con l’opportunità di renderla anche fruibile, è interessante far conoscere tutte le idee al riguardo. Così, secondo la nostra consuetudine di ospitare diverse opinioni sugli argomenti che trattiamo, riprendiamo dal web un articolo che, quantunque pubblicato due mesi fa, ci sembra ancora attuale.

 

Zannone. Lasciatela così nuda e cruda.
di Elvira Marasco 05 gennaio 2015

Il sindaco di Ponza, Piero Vigorelli, ha dichiarato che l’Isola di Zannone, che fa parte dell’arcipelago Pontino, non è conosciuta né le sue risorse sfruttate a causa della sua appartenenza territoriale al Parco Nazionale del Circeo.

Eppure, la sera del 30 agosto 1970, dai cassetti del Marchese Camillo Casati Stampa, che aveva appena ucciso la moglie e il suo amante e si era poi rivolto il fucile su di sé, emersero 1.500 foto che documentavano gli audaci costumi sessuali e un diario, rilegato in pelle verde, in cui il marchese annotava nomi, circostanze, luoghi, prestazioni, sensazioni, prezzo pagato a soldati, marinai, studenti, camerieri per farli giacere con Anna. Uno dei luoghi degli incontri era la villa di Zannone, l’isola nell’arcipelago Pontino, 18 miglia marine a Sud del porto di San Felice, che dal 1979 è inserita nel Parco Nazionale del Circeo e che dagli anni Venti era stata data in concessione alla famiglia Casati come riserva di caccia.

Ma erano altri tempi e altre stragi; tutto di lusso, anche l’omicidio, niente donne sciatte che gridano, niente abitanti di paesi lontani straziati. Era una strage di classe che segnò forse la vera prima svolta sessuale degli italiani. Nulla fu più “normale”, le deviazioni e i gusti particolari divennero quasi familiari. Ed ora, il Sindaco di Ponza Piero Vigorelli detto “lo sceriffo” (ex giornalista di lunga esperienza, già Rai – di lui si ricorda solo quando nei corridoi di Via Teulada sventolò la bandiera di Forza Italia in occasione di un’affermazione elettorale dell’ex Cavaliere – e poi, forse grazie a ciò, vice direttore del TG5 e conduttore di “Miracoli” su Rete4, in cui si raccontavano guarigioni, apparizioni e prodigi riconosciuti dalla Chiesa) vorrebbe che l’Isola di Zannone fosse riportata alla ribalta.

Ma perché, mi chiedo io. Un posto così bello e incantato, con una macchia mediterranea profumata e integra e antichi lecci; un’isola dove non ci sono serpenti ma in compenso si trovano tante lucertole, quelle nere di una specie che secondo quanto riferiscono i cartelli affissi dal Parco vivono solo qui. Chiedendo permessi al Parco si possono fare escursioni a piedi, ma la passeggiata deve essere fatta nel massimo silenzio altrimenti i mufloni scappano. Questa rara specie di capre arrivò sull’isola nel dopoguerra e da allora prospera indisturbata.

E mi richiedo, è mai possibile che la razza umana debba andare ovunque? Non è sufficiente vedere come sono ridotte le altre isole, strapiene di gente che negli anni non ha usato nessuna attenzione verso la natura e ha costruito il costruibile? Non può un gioiello così rimanere solo e indisturbato, al limite meta di turisti sporadici e rispettosi?

C’è un’unica via per accedere all’isola, altera e inospitale di carattere. Io metterei lì davanti un bel cartello: vietato l’ingresso agli umani, rivolgete le vostre barche verso altri porti.

Zannone il varo

 

L’articolo, a firma di Elvira Marasco, è stato pubblicato il 5 gennaio 2015 sul quotidiano on-line Futuro Europa  [affiliato al Gruppo PPE  – Partito Popolare Europeo (Democratici Cristiani)]

Condividi questo articolo

2 commenti per Zannone. Lasciatela così nuda e cruda

  • antonio scotti

    Zannone deve essere conosciuta ed amata e resa fruibile con le dovute cautele alle persone che vogliono visitarla.
    Lasciarla abbandonata a se stessa è un peccato e bene fa il Dott. Vigorelli a farla ritornare al Comune di Ponza che ben saprà valorizzarla oltre a creare nuovi posti di lavoro per i giovani di Ponza (guide turistiche – ostello per la gioventù la villa degli ex Casati in abbandono)
    Senza contare che la stessa Zannone fu data in enfiteusi perpetua al Comune di Ponza (se non erro) dai Borboni

  • Silverio Tomeo

    Il doctor Vigorelli sa benissimo che non ha alcuna possibilità che l’Ente Parco del Circeo dia l’isola di Zannone alla disponibilità e alla gestione totale del Comune di Ponza, per cui dice e si contraddice, ma solo per ottenere un qualche ruolo per la sua Amministrazione, arrivando persino a parlare di project financing (investitori privati per opere pubbliche). Dubito che riceverà mai ascolto. Una prossima Amministrazione più democratica, capace di restare nel suo ruolo, senza proclami, minacce, parole al vento, sicuramente avrà la possibilità di darsi meglio il ruolo che gli compete nell’Ente Parco, ma sempre nell’ambito delle giuste strettoie che la legge impone ai beni pubblici di valore naturalistico. Orbene: Zannone è un “bene comune” dell’umanità, degli italiani, dei ponzesi, dei laziali, degli svedesi, e così via. Non è e non sarà mai in alcun modo un bene a disposizione del Comune di Ponza e del suo sindaco di turno.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.