Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0048-048 u-24 f8-18a v4-13a b-01 ss19

‘A tassa

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i Retunne
Venerdì pesce

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ch’è stato? Te vegh’ particolarmente abbattuto.
Giggino – Beata l’ignoranza! Chi nun sape nun s’ancazza. E tu stai cuntento comm’e ’na Pasqua.

SR – E mò accussì va a furnì: l’ignorante sarei io.
Gg – E’ naturale, tu si’ nnato ’gnorante e hai studiato nell’ignorantità accademica.

SR – A sì? Pecché tu si’ nnato ’mparato? Boh! Ma perché questa cosa? Che sai tu che io non so?
Gg – Chisti ccà mò mètteno n’ata tassa.

SR – Ma come? Nell’ultima riunione hanno affermato che taglieranno le tasse.
Gg – He! Tàglien’i vecchie e mèttene ’i nnove.

SR – A me non risulta questa cosa. Secondo me qua c’è qualcuno che fa terrorismo psicologico.
Gg – Ma qua’ pissicologico: chist’è terrorismo a’vere. Pàrlen’ ’i puorto, acqua, vie, ma nun pàrlen’ d’i turist’. Pe’ chi cazz’i fanne chist’i ccos

SR – Queste cose si fanno appunto per attirare il turismo.
Gg – A si? E quanne che l’è ‘attirato’ ’stu turist’, voglie sape’ addò ’u mannne a fa’ ’u bagno? Sott’u pallone?

SR – Il modo si troverà: prima o poi le dovranno riaprire queste benedette spiagge?
Gg – Perciò si’ ’gnorante, uvvì. Tu apprimma addacque e po’ ce mitt’a terra? Si’ proprio ’nu capolavoro.

SR – Da una parte si dovrà pur cominciare?
Gg – Sì sì… e e tu accumience d’a coda. Bravo!

SR – Giggi’, sei il solito lagnoso inconcludente.
Gg – Io non mi lagno, io protesto.

SR – A sì? E che tipo di protesta hai messo in atto, fammi capire.
Gg – ’A staggione, pe’ dispiett’, nun me facci’o bagno! E che se credono alloro: ccà nisciuno è fesso!

SR – Tremendo! Si staranno preoccupando molto per questo tuo atteggiamento altamente rivoluzionario… Gli staranno tremando le gambe!
Gg – Azzò! Per farmi dispetto non si fanno più pagare il caffè da me.

SR – Incredibile! E che dispetto è questo? Ti stanno facendo un favore.
Gg – È perciò che si’ ’gnorante!

SR – Sarà come dici tu, ma non mi sembra che li stai preoccupando troppo. Anzi!
Gg – Invece devono essere preoccupati pecché nuie pagamm’i tasse e ccà nun ce sta fatica.

SR – Ecco, appunto, ma che tassa è questa che dici tu? Famm’ accapì pure chi te lo ha detto.
Gg – ’Ndu parlamento ’ill’Onda Marina, zi’ Michele ce l’ha spiegato: “Chist’ ce scannano a tuttu quante… ce vonne muorte”.

SR – Allora adda esse ’na tassa proprio infame?
Gg – Azz’ no? Tutti quanti erano assaie preoccupate e m’hanno fatte preoccupa’ pure a mme. M’è venute a tracchiapardia acuta.

SR – E si vabbuò! Ma che tassa è, come si chiama e su che cosa è?
Gg – ISIS, si chiamma accussì.

SR – ISIS!? Ma nun è ’na tassa. Che cazz’è capito? Chilli so’ terroristi!
Gg – So’ terroristi? Uvvì? Allora fanno parte d’a stessa famiglia.

SR – Ma no, è la sigla dello stato islamico rivoluzionario. Ti dico che non è una tassa!
Gg – Come nun è ’na tassa? Si può pagare anche in natura e la pagheremo solo noi residenti: Imposta Speciale Isolani Sanguiretunne.

Pesce. Made of glass

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.