Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-36 u-24 v7-19 q-67 giovanni-darco-1973 sl372208

A Carnevale

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i Retunne
Assemblea

 

Giggino – Aggie deciso: chist’ann’ me voglie vèstere ’a carnevale.
Sang’ ’i Retunne – E c’è bisogno che ti vesti? Tu già si’ ’nu carnevàl’…

Gg – Po’ dice ca io so’! Te chiavass’ ’nu bell’ pàcche’r’ ’nfaccia!
SR – E mamma miaaa! Non sai scherzare. E vuoi fare pure il carnevale?

Gg – E’ bell’isso, c’a scusa ch’è carnevale se piglie ’a pezzecàta.
SR – Da che ti vorresti camuffare? Sentiamo.

Gg – Song’ indeciso tra… gommista, sultano arabo, lillipuziano, ferroviere, assessore o… sceriffo.
SR – A ecco. Scusa la mia ignoranza, ma l’assessore com’è vestito?

Gg – Saccio i fatti suoi? Comme vo’ isso. Chille, comme se veste veste, fa rirere sempe: basta ’a faccia!
SR – E un gommista?

Gg – Uggiesù! Tutt’ ’i cupertun’..! comme Michelin’. Ma nun cred’ c’ù putarraggie fa’: ccà nun se trove chiù ’na rota schiattata manc’ si ’a vai a’ccatta’ a Fformia..!

(Qualche tempo dopo)

SR – Madonna Giggi’, ma che si affurnute sott’a corriera?
Gg – Peggio peggio! M’hanno acciaccato i paisane tuoi.

SR – Addirittura? E ch’è cumbinato per meritare tanto?
Gg – Ti ricordi che mi volevo vestire da carnevale? Ecco, mi sono vestito da sceriffo.

SR – Azz! Pistole, cinturone, cappellaccio, stivali con speroni…
Gg – Macchè! Sigaro mmocca, caruse melluse, cazunciéll’ curte, sciarpa tricolore, papusci’o pede e uocchi’e pazzo… T’aggia dice: tal’e quale!

SR – Alla faccia! Ti sei mascherato proprio bene.
Gg – Altroché! Nisciuno mi ha riconosciuto. Nisciuno! Tutti a fare inchini, sorrisetti, occhiolini…

SR – E allora?
Gg – E allora pe’ immedesimarmi meglio ‘ndu personaggio, aggi’ indetto pure ’na riunione… E là so’ accummenciat’ i ’uaie.

SR – Come al solito hai voluto strafare.
Gg –  So’ arrivate i mmeglie malelengue diplomate in tagli-e-cuci, hanno acchiuso ’i pporte e hanno accummenciato: – ’U puort ‘i Borboni l’hanno fatto abbusivo, nun tenevano ‘a concessione, perciò è illegale! Va abbattuto e rifatto ’a n’ata parte: là ce va ’nu bellu pontile… ’A legalità deve essere uguale per tutti: ’u prevete adda pava’ l’affitto d’u Cuore ’i Gesù ’nfaccia a’ scola… Basta cu’ ’sti navi cisterne, all’acqua s’add’i a piglia’ ’ngopp’a Marte, ca là ce sta sicuro… Chille ca tornano ’a Fruntone hanno pava’ pure alloro ’a tass’ ’i sbarco”.

SR – ’Na gara ’i dispiett’?
Gg – Sì, ’nu burdell’i pazze: tutt’ prufessure… ’A chi mai t’aspiett’!

SR – E po’ ?
Gg – A ’nu ciert’ punto zi’ Michele m’ha purtàt’ ’nu bicchier’ i bubbazza rossa… Era ’na schifezza e l’aggie sputata.

SR – E che era, veleno?
Gg – No, rum.

SR – Azz..!
Gg – Allora ha accummenciat’ a’llucca’: – Nunn’è isso, nunn’è isso, fermi tutti, nun parlate cchiù! …Chistu  strunze  è ’nu spione! …mò sbruvogne a tuttu quante il nostro disegno politico! – E m’hann’ struppiàt’ ’i mazzate.

SR – Niente di meno? ’Na tragedia.
Gg – Me so’ salvato scappann ’nda uno i chilli ciess’ ’i plastica. ’A puzza forte nun l’ha fatt’ trasi’.

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.