Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 pa-02 f4-2 m1-14 hp0049 Una colonia di Cladocora caespitosa

La scappatella

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Amore a prima vista

 

Sang’ ’i Retunne – Da quando ti sei comprato questo cellulare si’ scumpars’ d’a circolazione.
Giggino – Stong’ acconcentrato, pe’ capi’ comme funziona.

SR – E che ce  vo’ all’arca ’i scienze? Mica è ’nu vapore che p’u guida’ he fa’ ’u lungo corso.
Gg – I’ccorse a’lluòngo falle tu, io vang’ chianu chian’. Ce vo’ ’u tiempe ca ce vo’.

SR – Intanto il mondo cambia e tu stai ancora cercando di capire come funziona il tasto ‘reset’.
Gg – ’Uagliò, va a tasta’ a n’ato, ie saccie chello che faccio… he capito?

SR – Tu sai sempre tutto e poi, quando ti metti nei guai, chiamm’aiuto a me.
Gg – E pe’ forza, a chest’ servene l’amici, o no? Me stesse sule sennò.

SR – Comunque, non me la racconti giusta. Secondo me, tu stai messaggiando con qualcuno.
Gg – Ma quand’ mai! E che facci’u massaggiatore ie?

SR – Messaggiare, no massaggiare, mandi e ricevi i messaggi con qualcuno che, secondo me, è femmina.
Gg – Ecco qua! E mò vide ’i  me mette ’ndi guai comm’u solit’ tuie.

SR – Ma so’ ccose ’a fa?   Si ’u’vvene a sape’ Assuntina te spezz’ i cosce… e fa bbuono.

Gg – Sient’ammé… chell’Assuntina s’è fatta vecchia e tutt’arrepecchiata. ’Ndu liett’ ce ven’ a’mmente ’a vrenne p’i galline e ’a cauce peì ghianchià. Tu ’u’ssaie… all’omme tène le sue esiggenze.

SR – Ma ’uard’ a chiste! He perz’ proprio ’a capa? Tiene ’na panza ca fa schifo, quatt’ pile ’ncapa, puzze ’i nafta peggio ’i nu metore, ’mmocca tien’i diente che fann’a mazzate…E che te mitt’a’ffa? ’U latin lover?
Gg – ’Uagliòooo, l’ammore è cecate.

SR – Sì, ma con te deve essere pure sordo. Chi vene cu’ te lo fa per altri motivi.
Gg – Guard’a te, guard’a teee. Parli proprio tu? Chella cosa slavata t’ha luvate pure ’i mutande ’a sotto e vien’a ffa ’a ’mbara a me?

SR – Era slava e non slavata! …Ma la conosci almeno questa con la quale messaggi?
Gg – Ci avimma ’ncuntra’, perché essa è ’nnammurata pazza ’i me.

SR – Aeeeehh! La faccenda si complica. Come fa ad essere innamorata di te se non ti ha mai visto?
Gg – Leggenn’ i miei fraseggiamendi d’ammore.

SR – Ah! Allora è sicuramente ’na fregatura.
Gg – A sì? Sule pecché s’è nnammurat’ ’i me è ’na fregatura?

SR – Giggi’, ma tu he arraggiuna’ ’nu poco, ’u frate. Fai tant’u furb’ e ppo’ te pierde ’nda ’nu bicchiere d’acqua! Lasciati consigliare da chi già avuto esperienze. Tu hai conosciuto solo Assuntina e nunn’o ssaie che razz’i femmene ce stanno in giro.
Gg – Che femmene ce stanno stanno? …abbasta ca rrespirene, a ’mme me vanno bbone.

SR – Si’ peggio ’i ’nu zimbre! a’rragiunà cu’ te o c’u nu muro è ’a stessa cosa.

(Qualche tempo dopo)

SR – Giggi’, ti vedo ch’i rrecchie avasciàte… Come è andata a finire con la tua amichetta segreta?
Gg – Male! …è fernuta male.

SR – Hai visto? Che ti avevo detto io?  Non ti devi fidare delle donne sconosciute e straniere, ti trattano per scopo.
Gg – Ma che m’he ditte tu? …faie ’u saputiéll’ e nun me sai accunsiglia’ bbuono.

SR – Perché, che t’è successo?
Gg – So’ gghiute all’incontro p’a canòsce e mentre aspettavo, invece ’i arriva’ essa, è spuntato ’a ret’a ’nu bidone d’a munnezza uno tutte pelato, cu’ ’nu sigario ’mmocca e all’uocch’i pazze… e m’ha ’itte: “Ahoo! Cafone ponzese allupato! Te volevi fa’ l’avventuretta eh? Ci sei cascato! E mò si nun fai quello che voglio io, lo dico a tu’ moglie e so’ cazzi tua. Ha’ capito?”

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.