Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

t2-9 c-2-20 79 recupero-del-nassone premiazione-elena-bonelli Idraulica antica: fosso di regolarizzazione

Un regalo fuori tempo massimo

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

Ponza nel letargo invernale

 

L’anno nuovo si propizia con un dono. Abbiamo riflettuto a lungo, Nino Picicco e io, e, nel farlo, il tempo dei regali è passato.

Oggi, fine gennaio, Ponza è serrata in sé, a smaltire il letargo invernale. In questo stato il ricordo ha un ruolo oltre che consolatorio anche riempitivo. E’ per questo che giudichiamo opportuno offrire ai lettori di Ponza-racconta una canzone nuova, dove il ricordo dilaga. Sperando di cullare il letargo, piacevolmente

 

 

E’ u mutivo a mente

di Nino Picicco e Francesco De Luca

E’ nu mutivo a mente

è nu mutivo a mente

e ll’ anema è cuntenta

Aiere ire uaglione

aiere ire uaglione

che bella era a staggione

Si te ricuorde bbuono

si te ricuorde bbuono

i zummezzate

d’ u scoglio d’ u uaglione

d’ u scoglio d’ u uaglione

quanta calate

Mò chill’ iuoche

nun ‘ i facimmo cchiù

songhe ricuorde

Quanta cumpagnia

quanta nustalgia

quant’ alleria

Chistu mutivo ‘i niente

chistu mutivo ‘i niente

è na fulata ‘i viento

Turnammo arrete e u core

turnammo arrete e u core

già se cunsola

U sole trase

ienche ‘i luce u core

guardammo annanze

stammo nsieme a u mare,

nun ce lascia maje

mo e pe sempe

sempe

Pure tu

ce stive pure tu

comme ire bella

Pigliammece pe mano

affruntammo u dimane

chist’ è l’ ammore

io e te

ponza nle letargo invernale 2

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.