Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0053-053 h-19 v4-3 32 39 la-famiglia-vitiello-seduta-su-gli-scogli-giuditta-luca-maria-monica

Il Prenditore

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i  Retunne
Venerdì pesce

Sang’ ’i  Retunne – Giggi’, e che madonn’è fatto, è puzzàta taglia’ tutt’a catena?
Giggino – Pulizzia generale: ce sta pericolo d’ingendio.

SR –  Nel mese di gennaio c’è pericolo d’incendio? Ad agosto tenive ’nu sipario ’i rustine  ca si pigliave fuoco faciv’a morte d’a zòccula! A te chi ti capisce è bbravo.
Gg – ’Uaglio’… Cca ognuno sap’i fatte suoie. Ie mò teneve genio e mò l’aggie fatto: è chiaro?

SR – Ma ’uarda llà! Ha tagliato pure ’u  pet’i fiche ’i zi’ Michele. E ’u palettone? Pure chill’. Secondo me si’ asciute pazzo!
Gg – Uffà …e che scassamiento! Ma chi te ci’ha mannàt’ stammatina, ué? ’Ncopp’ a ’stu scoglio niente succede e tutte quanto s’impicciano d’i fatt’i ’llati. E fatt’ ’nu quart’i cazzi tuoi.

SR – E’ mai possibile che ogni cosa che fai non è mai chiara? Ci deve essere sempre sotto qualche secondo scopo. Ma quando imparerai ad essere più sereno e sincero?
Gg – Aggie decis’i fare il prenditore. Vabbuo’? Mò ’u ’ssaie.

SR – Il prenditore di cosa? E ch’è piglia’?
Gg – I sorde, i palicchi, tanti palicchi.

SR –  Aaah!! L’imprenditore? …E fai i soldi rasando la campagna?
Gg – L’appreparo p’a piantaggione.

SR – E che devi piantare di tanto valore?
Gg – Sette antenne.

SR – Antenne? Dei telefonini? E poi sette? Ma non ci sono già?
Gg – Quelle servono sempre. Mi hanno detto che più ce ne stanno e meglio è. A’lloro ’nciuciano c’u telefonino ed io guadagno senza fa’ niente. Accussì vang’ a caccia ’ngrazi’iddie e Assuntina nun me scassa chiù, essa e ’a fatica. Conviene o no? Tu n’a tiene ’na campagna?

SR – Ma già ci sono! Non servono tutte queste antenne. Fanno male.
Gg –  L’hanno mise all’ate e i mècc’ pur’io. E che so’ fesso io?

SR – E’ mai possibile che ccà, addò pescie ’nu cane hann’a piscia’ tutti gli altri?
Gg – Sient’a mme: abbasta ca me pagano e ponne piscia’ addò vonn’a’lloro.

SR – Ti rendi conto che danno fai al paesaggio? Tu deturpi l’ambiente.
Gg – ’U paesaggio nun me ienc’a panza e dell’ambiente nun me ne fotte niente pecché nun so’ ambientista.

SR – Se tutti la pensassero come te, qua non ci sarebbe più niente: solo macerie, cemento e… antenne.
Gg – Ma ’uard’a chiste! …’na vota tanto ca ce sta ’a possibilità ’i me guadagna’ coccheccos’i sorde, chiste addeventa ambientista e scass’i scatule. Tu però i cazze tuoi te l’è fatte! …e mò ’uard’a mme.

Dopo qualche giorno

SR – Giggi’, ma ch’è stato, he scarrupat’a catena?
Gg – A colpa è a toia. Zi’ Michele ha saputo ’u fatte, è turnato d’a Merica e ha vulùt’a campagn’arete… E ie po’, secondo te, me teneve sett’antenne annanz’a casa?  

 

Plantu-greece-television

 

Immagine di copertina. Una vignetta di Plantu: Grecia senza antenne

Condividi questo articolo

1 commento per Il Prenditore

  • In Posta dei Lettori, su questo sito, un lettore aveva chiesto, sulla scorta del successo di sang’ ‘i retunne di approfondire
    la tematica ed io, pur comprendendo la richiesta del lettore, voglio fargli notare che Ponzaracconta ha fatto delle scelte pubblicando Sang’ ‘i Retunne.

    Le operazioni culturali possono essere fatte in varie forme, quelle seriose che risultano impegnative, poco seguite e poco partecipate e quelle leggere, facilmente digeribili ma forse più efficaci.

    Ponzaracconta che è gestita da persone intelligenti ha scelto di toccare la delicata tematica del “ponzese sang’ ‘i retunne” appunto in forma leggera e per creare ulteriore attenzione ha accettato la collaborazione del nostro anonimo: l’anonimato crea sempre fascino, la gente si domanda chi possa celarsi dietro allo Zorro ponzese: chi è questo simpatico signore ironico e autoironico che sparla del ponzese??

    Infatti a confermare che la scelta della Redazione va nella direzione del nostro lettore ma in forma leggera e anonima quindi misteriosa, la redazione ha deciso di istituzionalizzare il messaggio di Sang’ ‘i Retunne in una rubrica settimanale appunto “Venerdì Pesce”.

    Ma qual è il messaggio del nostro intelligente anonimo?

    Per rispondere a questa domanda chiediamoci: nel colloquio tra Sang’ i Retunne e Giggino chi ha l’ultima parola? Sicuramente è Giggino ad avere l’ultima parola.

    Nella realtà é Giggino a decidere se mettere le antenne o no, ad impossessarsi dei siti archeologici, a decidere quale Sindaco votare e quali amministratori delegare al Comune e Giggino ha una sua cultura che ispira le sue azioni di sopravvivenza: quella che gira intorno agli interessi personali.

    Magnifico! Il nostro anonimo Sang’ ‘i Retunne ci ha rivelato, simpaticamente, questa verità ma a chi rivolge il messaggio: all’amico Giggino che non vuole cambiare anzi impone la sua ultima parola, o ad altri? …al mondo della cultura, al mondo della politica?

    Vista in questa chiave l’operazione di Ponzaracconta portata avanti con l’anonimo Sang’ ‘i Retunne è una operazione culturale: denuncia il fallimento della cultura dominante ma denuncia anche la sconfitta degli uomini di “cultura” che stanno con il loro silenzio diventando funzionali alla sconfitta: di tutti, compreso il furbo Giggino.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.