Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0031-031 h-16-h-15 paolo-01 k2-11 ss-22 corrida19

Statt’accort’

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Tout est pardonné

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ’u ssaie o no che è ora c’a furnisce?
Giggino – I’ manco aggi’accummenciato, già me vuo’ fa’ furni’?

SR – Ma come non hai cominciato? Sono tre anni che scass’ ’i scatule al mondo intero?
Gg – Io? Pover’ a mme! Ma quand’ maie? E c’aggie fatt’? Io nun ce steve e si ce steve durmeve..!

SR – Sì sì continua, continua… Chist’ oramai te stann’ cercanno pe’ tutte parte e se ti trovano te fanno ’u servizio.
Gg – Scusa e pecché me stessene cercann’? Che cazz’ vonn’ ’a me?

SR – Ma come? Non lasci in pace nessuno. A chisti ccà li stai mettendo in croce con i chiodi, non ti sta mai bene niente e fai una satira pressante.
Gg – Secondo me s’ha tire sorète e no ’a passante.

SR – Ch’è capito? Satira, sarcasmo, insomma li prendi in giro.
Gg – E chi è ’stu fetente che fa ’sti ccose?

SR – Giggi’! Si’ tu! I’ffaie tu ’sti ccose. Sei tu a prenderli in giro. Stai sempe a ’nzurfà ’a ggente e a critica’ a ’ngopp’ e abbascio, sott’ e ’ngopp. ’Annanze fai finta di appoggiarli e poi li critichi e ce dai ‘nguoll’ ’i spall’. Si’ proprie ‘nu scassambrell’ formidabile. Chest’ si’. Ecco qua, mò t’aggie ditte.
Gg – Ma ie nunn ’u faccio apposta, ie song’ fatt’ propriet’ accussì. Io m’aggia sempe lamenta’ sinò nun faccie bbene. Io so’ nato a lamient’e ’nciucie.

SR – Si chisti ccà t’acchiappano, fai ’a fine d’i giornalisti francesi. E’ capit’ o no?
Gg – E io mica so’ Brillantino?

SR – Chillo fa ’u giornalaio e nun c’entra. I giornalisti francise pe’ piglia’ pe’ cul’ l’hanno fatte laccie laccie…
Gg – Giesù! E chi è stato?

SR – Un commando arabo.
Gg – E io che c’entro cu’ gli arabi?

SR – C’entri, c’entri: dai fastidio agli amici loro ’i cca.
Gg – See, stann’ appòst’, e allora nun m’accanoscene. E quand’ m’acchiappano?

SR – E come fai a sfuggirgli? Questi oramai ti stanno cignendo. Prima o poi t’afferrano e so’ cazzi tuoi: te scippano tutt’i pile….
Gg – E comme fann’ a sape’ chi so’ ie? Diceme a mme! Ccà tenimme tutt’a stessa faccia, facimme tutt’i stesse schifezze, parlamm’ tutte d’i stessi cose, alleccamm’ tutt’a stessa manera. Ccà simme tutte sang’ ’i retunne, p’acchiappa’ a mme hanna spara’ ’ndù  muntone: hanna fa’ ’na stragge.

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.