Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0048-048 l-06 pa-02 28-07-2005-0-18-52_0001 64 viso-ponzese

La Pianta dell’Isola di Ponza di Agostino Grasso (XVIII secolo). (2)

Condividi questo articolo

di Arturo Gallia

 

Per la prima parte dell’articolo, leggi qui

 

La Pianta dell’Isola di Ponza di Agostino Grasso. Indagini e prodotti cartografici come strumento di conoscenza del territorio e di lettura delle dinamiche insediative (XVIII secolo)

Tutte queste informazioni, come detto, mancano nella stesura finale dell’elenco nella carta a colori, mentre è possibile rintracciarle nelle mappe, diciamo, “proto catastali” che compongono la “Pianta dei territori cacciati sistenti nell’Isola di Ponza…”. Queste mappe sono raccolte in un piccolo volume composto da 24 fogli acquerellati a colori, in ciascuno dei quali sono disegnati e descritti i terreni censiti nell’indagine di Agostino Grasso. I disegni si distinguono per il dettaglio della raffigurazione e l’approfondimento dell’informazione fornita. Infatti, è rappresentata e indicata la presenza e il numero di grotte e cisterne, la tipologia delle colture, l’estensione dei terreni e il loro orientamento, indicando anche alcuni toponimi locali, e le proprietà confinanti ai quattro punti cartinali.

In sintesi, dal confronto degli elementi raffigurati nei due prodotti cartografici è possibile forse ricostruire alcuni passaggi compiuti dall’autore nel redigere la versione definitiva della carta da allegare alla relazione sullo stato dell’isola. La Bozza, in effetti, è ricca di appunti utili proprio ai fini della stesura della relazione: la precisione e il dettaglio di alcune informazioni e di certi elementi sono funzionali esclusivamente alla stesura del testo, non altrettanto alla compilazione della carta acquerellata o alla sua immediata comprensione iconografica, motivo per cui sono stati omessi.

Infine, da un punto di vista realizzativo, si tratta di interessanti documenti cartografici manoscritti, che tuttavia mancano di accuratezza nel rilievo e nella proporzione del territorio raffigurato, che denotano l’assenza d’uso di strumenti scientifici di precisione, che nell’arco di pochi anni sarebbero stati ritenuti fondamentali nel processo di produzione cartografica, di cui, a fine secolo, fu un grande esponente Rizzi Zannoni.

Per concludere, la relazione e le carte prodotte a seguito dell’indagine dell’agrimensore Agostino Grasso allora svolsero un’importante funzione come strumenti per pianificare il processo di popolamento e di urbanizzazione dell’isola, nonché per favorirne il controllo e il governo. Oggi, l’importanza di questi documenti è quella di mettere in luce alcuni aspetti del rapporto centro-periferia tra Napoli e Ponza nel XVIII secolo, come pure l’interesse della Casa Reale per l’isola.
In primo luogo, la produzione di un così importante apparato documentale e cartografico a seguito dell’indagine, e non una semplice relazione, dimostra la forte volontà da parte del Re, del governo centrale, di favorire il controllo, il governo e lo sviluppo – demografico, sociale, economico – di una periferia del Regno, Ponza, mettendo in luce al tempo stesso le grandi aspettative che il Re aveva su questo progetto.

In secondo luogo, la relazione e, soprattutto, le carte sono un’istantanea dello stato dell’isola in quegli anni, evidenziando, da una parte, la presenza stabile di alcune delle famiglie inviate dal re Carlo nella colonizzazione del 1734, come i Mazzella, i Migliaccio, gli Scotti, e, dall’altra, lo stato assai ridotto dell’insediamento urbano, ovvero la presenza dei pochi edifici costruiti fino ad allora: una torre, alcune abitazioni per i militari e una piccola chiesa, oltre ad alcuni piccoli magazzini. Questa esigua presenza edilizia sottolinea lo scarso interesse che i viceré spagnoli a Napoli avevano avuto per Ponza fino al XVIII secolo, disinteresse causato anche dalle difficoltà incontrate nel governare e controllare quel piccolo territorio, tra cui le continue incursioni dei pirati e le dispute sulla sua sovranità con lo Stato pontificio. Al contrario con l’ascesa dei Borbone al trono del Regno di Napoli è possibile riscontrare, come testimoniano numerosi studi, un forte e generalizzato interesse per le periferie del Regno, tra cui anche la stessa Ponza, ritenuta strategica nel controllo delle rotte commerciali provenienti e dirette a Napoli.

 

Bibliografia

Alisio, Giancarlo (1976) – Siti reali dei Borboni, Roma: Officina edizioni.

Apollonj Ghetti, Fabrizio Maria (1968) – L’arcipelago Pontino nella storia del Medio Tirreno. Cronache delle Isole di Roma fino al sec. decimottavo, Roma: F.lli Palombi Editori.

Baldacci, Osvaldo (1955) – «L’escursione della Società Geografica Italiana alle Isole Ponziane e Partenopee». Bollettino della Società Geografica Italiana, 6-8, 338-353.

Bonifacio, Vincenzo (2010) – Pontio. L’isola di Pilato. Dal mito alla realtà. Ponzano Veneto: Vianello Libri.

Conti, Simonetta; Di Biasio, Aldo, eds. (2012) – La Terra di Lavoro nella storia. Dalla Cartografia al vedutismo, Roma: Associazione Roberto Almagià.

Corvisieri, Silverio (1985) – All’isola di Ponza. Regno borbonico e Italia nella storia di un’isola. 1734-1984, Roma: Il mare.

De Rossi, Giovanni Maria, ed.(1986) – Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale – Le Isole Pontine attraverso i tempi, Roma: G. Guidotti Editore

Fasolo, Orseolo; Fasolo, Paolo; Fasolo, Silvia (1986) – «Il disegno urbano di Ponza Porto. Un progetto razionalista della fine del Settecento». In Giovanni Maria de Rossi, ed. – Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale – Le Isole Pontine attraverso i tempi, Roma: G. Guidotti Editore, 281-307.

Martullo Arpago, Maria Antonietta, et al. (1987) – Fonti cartografiche nell’Archivio di Stato di Napoli.Napoli: Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici.

Mattej, Pasquale (1857) – L’arcipelago Ponziano. Memorie Storiche Artistiche, Napoli: s.n.

Montemurno, Donatella (2013) – «Conflictos locale e Imperio Global: la disputa entre Felipe II y Octavio Farnés sobre las Islas Pontinas (1572-1588)». In José Javier Ruiz Ibáñez, ed. – Actas del Congreso Internacional Felipe II y Almazarrón (1572). La construcción local de un Imperio global, Mazarrón, 22 al 24 de noviembre de 2012 (in corso di stampa).

Quaini, Massimo (2006) – Il mito di Atlante. Storia della cartografia occidentale in Età moderna, Genova: Il Portolano.

Racheli, Gin (1987) – Le Isole Ponziane. Rose dei venti. Natura, storia, arte, Milano: Mursia.

Riggio, Andrea (2006) – « Le ‘catene’ di Ponza e le ‘macerie’ di Vallecorsa. Paesaggi terrazzati, trasformazioni territoriali e mutamenti culturali nell’Italia centrale tirrenica». Geotema, 29, 107-112.

Tricoli, Giuseppe (1855) – Monografia per le isole del gruppo ponziano, Napoli: s.n.

Valerio, Vladimiro (1981) – La cartografia napoletana tra il secolo XVIII e il XIX. Questioni di storia e di método, Napoli: Arte Tipografica.

Valerio, Vladimiro (1996) – «Cartografia militare e tecnologie indotte nel Regno di Napoli tra Settecento ed Ottocento». In Giulio Barsanti, ed. – La politica della scienza: Toscana e stati italiani nel tardo Settecento, Firenze: Olschki, 551-567.

Valerio, Vladimiro (2002) – Costruttori di immagini. Disegnatori, incisori e litografi nell’Officio Topografico di Napoli, Napoli: Paparo.

 

Figure (cliccare per ingrandire)
Fig. 1

Fig. 1 – Agostino Grasso, Bozzo di pianta dell’Isola di Ponza, 1766 (Archivio di Stato di Napoli, AF Piante e disegni)

Fig. 2

Fig. 2 – Agostino Grasso, Pianta dell’Isola di Ponza ed altre isole adiacenti, 1766 (Archivio di Stato di Napoli, AF Piante e disegni)

Fig. 3

Fig. 3 – Agostino Grasso, Pianta dei territori cacciati sistenti nell’Isola di Ponza…, 1766 (Archivio di Stato di Napoli, AF Piante e disegni)

.

Arturo Gallia
Dipartimento di Studi Umanistici
Università Roma Tre

 

Note
– Estratto dagli “Atti del VI Congresso AISU”  Associazione Italiana di Storia Urbana – Catania 12-14 sett. 2013; Monastero dei Benedettini (a cura di S. Adorno, G. Cristina, A. Rotondo) – VII. Ritratti di città: città restituite e città reinterpretate. Pagg. 2163-2173
File .pdf completo del lavoro: Estratto_AISU_Gallia_2163-2173

 

[La Pianta dell’Isola di Ponza di Agostino Grasso (XVIII secolo). (2) – Fine]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.