Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0008-008 0012-012 h-34 30 74 corrida15

Il discorso di Fine Anno

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i  Retunne
Sang. Proclama

 

Sang’ ’i  Retunne – È ’na settimana che non ti vedo… Questa volta che hai avuto da fare?
Giggino – Essì, m’aggia aut’ spremmere per scrivere ’nu discorzo.

SR – Un discorso? Allora è vero! …la campagna elettorale non è mai finita.
Gg – Madonna mia! …e vide semp’ ’a politica? ’A toia è comm’ e ’na fissazione. E che sfaccimm’!

SR – E allora se po’ sape’ che discorso devi fare?
Gg – Essendo che song’ addeventàte ’nu personaggio ’i famma, m’hann’ ’ncaricato ’i  fa’ ’nu discorzo ’i fine anno “alla nazione ponzese” a ’nciuciamiento unificato.

SR – E che sarebbe ’stu “nciuciamiento unificato”?
Gg – Significa che deve essere dedicato a tutti quanti: a chill’ d’u Puort’; a chille d’i Cuont’; a chill’i ’ngopp’i Scuòtt’ e ai Santamariuoli.

SR – E secondo te non ci manca nessuno?
Gg – No no, ce stanne tuttu quante. Chi manca?

SR –  Chi manca? Scusa! …e i Furnise?
Gg – Azz! M’aggi’a scurdate!

SR – Come al solito se ricordene d’i Fforn’ sule pe’ vuta’! E si può sapere che cosa hai scritto?
Gg – Azz! …E comme no!?

SR – Sentiamo!
Gg – Discorzo:
“Retunni, figli ’i retunne, sang’ ’i retunni, nepute, zii ed affini ‘i retunni d’u Puort’, apparentati cu’ mazzuni, launi, tuotene ’mbuttunate, purpe, guarracine senza spine, Coreani e Zarrise ’i Calacaparra, zìmp’r’ d’i Scuott’ e d’i Cuont’, Santamariuoli ’i iere e ’i ogge… Ascoltate..!”

SR – Azz! …E chist’è ’nu proclama!
Gg – Statt’ zitte e sta’ a senti’!
Hamm’ passat’ un anno ’nda “nutella digerita”, ma l’anno che arriverà sarà assai chiù tuost’. Accà l’affare s’ingrossa e si nun ce quartiammo, sbattarrà ’nfronte a cocchedune!
Ciertamente dovranno fare di più per cacciare proprio tutti, ma non ci dobbiamo disperare …tanto ce la faranno! ’Nu poco ’i tiemp’ ce vo’ e ’u futuro è assicurato, pecché c’è chi ci sta lavorando per mettercelo per bene …il futuro!
Cocchedune si lamenta c’a staggione nun ce sta niente ’a fa’: se ponno fa’ i bagni! Altri se lamentano che ’a vernata nun ce sta nient’ ’a fa’: ponn’i a caccia. Cocchedunautre  tene paure ’i se ne ì affancul’ a Formia…
Non bisogna avere paura! Ci ha bene consigliato chi ha ditte ca ’stu scoglie non è pe’ nuie e che ce n’ama ì, primma ca ce ’nserrene a tuttu quante …pecché tenimme ’a faccia illegale, ’i nomm’ illegali e pur’ i muglière illegali. ’A speranza nosta è addeventa’ f’rastiere e ’i ce scurdà d’i muort’ ca tenimme ccà. L’isola è fatta pe’ chi ten’i sord’ e no p’i muort’i famme cumm’e nuie. Come disse ‘u cantastorie romano:
“Er presepe è bello, so’ li pastori che so’ fetenti!”. Perciò, facimme bagaglie e burrattini e iammuncenn’..!

SR – ’Ueee Giggì, ma che cazz’i discorso è chisto? Cca ’a ggente t’accide.
Gg – Ma quand’ maie. Addò l’è vist’ ’stu film. Ccà oramai so’ tutti vaccinati alle offese e ai ‘chitemmuort’. ’A ggente s’è rafforzata, è migliorata in peggio, è diventata ottimamente apatica, è morta e s’è scurdata ’i cadè pe’tterra, nun s’arraggiene manc’ si  ’i pigli a cauce ’mmocca.
’Uagliò… cca è cagnata ’a Merica: l’unica speranza è ’a Svizzera!
Chest’è!

Condividi questo articolo

1 commento per Il discorso di Fine Anno

Devi essere collegato per poter inserire un commento.