Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

pa-02 v7-20 sl372213 Idraulica antica: parte dell'acquedotto Immagini storiche di Ponza Una delle volti delle camere delle grotte di Pilato

Il discorso di Fine Anno

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i  Retunne
Sang. Proclama

 

Sang’ ’i  Retunne – È ’na settimana che non ti vedo… Questa volta che hai avuto da fare?
Giggino – Essì, m’aggia aut’ spremmere per scrivere ’nu discorzo.

SR – Un discorso? Allora è vero! …la campagna elettorale non è mai finita.
Gg – Madonna mia! …e vide semp’ ’a politica? ’A toia è comm’ e ’na fissazione. E che sfaccimm’!

SR – E allora se po’ sape’ che discorso devi fare?
Gg – Essendo che song’ addeventàte ’nu personaggio ’i famma, m’hann’ ’ncaricato ’i  fa’ ’nu discorzo ’i fine anno “alla nazione ponzese” a ’nciuciamiento unificato.

SR – E che sarebbe ’stu “nciuciamiento unificato”?
Gg – Significa che deve essere dedicato a tutti quanti: a chill’ d’u Puort’; a chille d’i Cuont’; a chill’i ’ngopp’i Scuòtt’ e ai Santamariuoli.

SR – E secondo te non ci manca nessuno?
Gg – No no, ce stanne tuttu quante. Chi manca?

SR –  Chi manca? Scusa! …e i Furnise?
Gg – Azz! M’aggi’a scurdate!

SR – Come al solito se ricordene d’i Fforn’ sule pe’ vuta’! E si può sapere che cosa hai scritto?
Gg – Azz! …E comme no!?

SR – Sentiamo!
Gg – Discorzo:
“Retunni, figli ’i retunne, sang’ ’i retunni, nepute, zii ed affini ‘i retunni d’u Puort’, apparentati cu’ mazzuni, launi, tuotene ’mbuttunate, purpe, guarracine senza spine, Coreani e Zarrise ’i Calacaparra, zìmp’r’ d’i Scuott’ e d’i Cuont’, Santamariuoli ’i iere e ’i ogge… Ascoltate..!”

SR – Azz! …E chist’è ’nu proclama!
Gg – Statt’ zitte e sta’ a senti’!
Hamm’ passat’ un anno ’nda “nutella digerita”, ma l’anno che arriverà sarà assai chiù tuost’. Accà l’affare s’ingrossa e si nun ce quartiammo, sbattarrà ’nfronte a cocchedune!
Ciertamente dovranno fare di più per cacciare proprio tutti, ma non ci dobbiamo disperare …tanto ce la faranno! ’Nu poco ’i tiemp’ ce vo’ e ’u futuro è assicurato, pecché c’è chi ci sta lavorando per mettercelo per bene …il futuro!
Cocchedune si lamenta c’a staggione nun ce sta niente ’a fa’: se ponno fa’ i bagni! Altri se lamentano che ’a vernata nun ce sta nient’ ’a fa’: ponn’i a caccia. Cocchedunautre  tene paure ’i se ne ì affancul’ a Formia…
Non bisogna avere paura! Ci ha bene consigliato chi ha ditte ca ’stu scoglie non è pe’ nuie e che ce n’ama ì, primma ca ce ’nserrene a tuttu quante …pecché tenimme ’a faccia illegale, ’i nomm’ illegali e pur’ i muglière illegali. ’A speranza nosta è addeventa’ f’rastiere e ’i ce scurdà d’i muort’ ca tenimme ccà. L’isola è fatta pe’ chi ten’i sord’ e no p’i muort’i famme cumm’e nuie. Come disse ‘u cantastorie romano:
“Er presepe è bello, so’ li pastori che so’ fetenti!”. Perciò, facimme bagaglie e burrattini e iammuncenn’..!

SR – ’Ueee Giggì, ma che cazz’i discorso è chisto? Cca ’a ggente t’accide.
Gg – Ma quand’ maie. Addò l’è vist’ ’stu film. Ccà oramai so’ tutti vaccinati alle offese e ai ‘chitemmuort’. ’A ggente s’è rafforzata, è migliorata in peggio, è diventata ottimamente apatica, è morta e s’è scurdata ’i cadè pe’tterra, nun s’arraggiene manc’ si  ’i pigli a cauce ’mmocca.
’Uagliò… cca è cagnata ’a Merica: l’unica speranza è ’a Svizzera!
Chest’è!

Condividi questo articolo

1 commento per Il discorso di Fine Anno

Devi essere collegato per poter inserire un commento.