Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-05 k2-17 k2-21 c1-16 Il tunnel "romano" di Chiaia di Luna con le pareti ad "opus reticutatum" Spugne incrostanti bianche

Core furastiero. Un classico

Condividi questo articolo

proposto dalla Redazione, su suggerimento di Silverio Lamonica
Cartolina da Napoli

 

Della famosa canzone Core furastiero – versi di Alberto Melina, musica di E. A. Mario (1923) – abbiamo scelto la versione di Roberto Murolo da YouTube (segui le parole sottostanti)

.

.

Core furastiero

.

‘Stu core sbarca a Napule
comm’a nu gran signore.
…comm’a nu gran signore!…
Campaje tant’anne ‘America
…campaje tant’anne ‘America…
Mo chi ‘o cunosce cchiù, poveru core?
Mo chi è? Nu furastiero
‘nnammurato d”a città…

” ‘O ‘scellenza! – fa ‘o cucchiero –
Signurì, pozz’avutà?”
E se ne va cuntento, cu ‘o cucchiero,
‘stu core ca s’è fatto furastiero.

E corre via Caracciolo
lucente e tutta sole…
…lucente e tutta sole…
“Mussiù, chist’è Pusilleco”
…”Mussiù, chist’è Pusilleco”…
Ma ‘o furastiero zitto a ‘sti pparole!
Se ricorda chelli strate
ce ‘o facettero sunnà…

Quanta coppie ‘e nnammurate,
fino a tarde, ‘int’a ll’està!
E chiacchiarea sul’isso ‘stu cucchiero,
ca piglia ‘o core mio pe’ furastiero…

Po’ se fa’ notte: Napule
è tutta nu sbrennore!
…è tutta nu sbrennore!…
E saglie ncopp”o Vommero,
…e saglie ncopp”o Vommero…
addò se fece core, chistu core…
“Signurì, che ne dicite
d”e bellizze ‘e ‘sta città?
‘O ‘scellenza, vuie chiagnite?
Signurì, chi v”o ffa fà!”
E nun se fa capace ‘stu cucchiero:
Si chiagne ‘o core… nun è furastiero!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.