- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Auguri a Ponza per l’anno che verrà

di Luisa Guarino
Il-francobollo-di-Ponza [1]

.

Sta per finire l’anno, e con il 2015 il nostro sito si avvia a festeggiare il suo quarto compleanno.
In questo tempo ne sono successe di cose: alcune piacevoli, altre un po’ meno, come in tutte le famiglie insomma. Perché il nostro sito e la nostra associazione che porta lo stesso nome sono proprio come una famiglia, con tante teste pensanti e un unico cuore che, al di là di ogni retorica in cui in circostanze come questa è molto facile cadere, batte all’unisono per la nostra isola.
Residenti o ‘forestieri’, una cosa è certa: vogliamo tutti il bene di Ponza, conservando il suo ambiente e le sue peculiarità, conosciute e ammirate in tutto il mondo.

Credo di averlo detto già altre volte: viaggiando all’estero e incontrando persone delle nazionalità più diverse, spesso l’unico, certo punto di contatto è stato rappresentato proprio da Ponza. La sua bellezza è così universalmente riconosciuta da trasformarsi subito nel ‘terreno comune’ su cui soffermarsi e incontrarsi.

In quattro anni tante cose sono cambiate, a Ponza e sul nostro sito, il quale, oltre a ricordare tradizioni, usi e personaggi che fanno parte di un passato più o meno remoto, ha voluto fare sempre più i conti con l’attualità, per essere una presenza più vivace e incisiva, oltre che per non vivere solo di ricordi e nostalgia.

Il passato può forse sembrare più bello del presente anche perché cuore e mente lo hanno incastonato nelle cornici più belle e preziose. E poi in quel passato c’erano i nostri cari, noi più giovani, Ponza più vivibile, meno affollata d’estate e più abitata d’inverno. Ma il nostro dovere è di guardare avanti e di volere sempre più un’isola bella (come è, nonostante tutto), libera, proiettata verso il futuro: verso un turismo sostenibile, che salvaguardi l’ambiente e sostenga l’economia.

Noi ci crediamo, nonostante tutto, e ci auguriamo che anche gli altri ponzesi ci credano. L’augurio più grande e affettuoso dunque a Ponza e a tutta la sua comunità per l’anno che verrà.
Felice 2015, con tutto il cuore.

Luisa Guarino  e la Redazione tutta di Ponza racconta