- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Memo sulla ‘Classificazione’. (16)

di Rita Bosso
Darwin [1]

 

A pochi giorni dalla fine dell’anno, lo stato dell’arte della Tassonomia Ponziana è il seguente: all’apice c’è la distinzione tra Natus e Nativus, sostanziale e imprescindibile, l’equivalente del Phylum nella sistematica linneiana.
Il criterio empirico per stabilire se un individuo sia Nativus è il test del DNA, infatti tutte le biglietterie si sono dotate di idonea strumentazione in modo da poter emettere correttamente i titoli di viaggio; come si ricorderà, la distinzione nacque a margine di un beneficio concesso da Laziomar ai “nati” a Ventotene.
A un livello classificativo inferiore si pone la distinzione tra “residente” e “furastiero”: Linneo parlerebbe di Ordini.
Avremo dunque Natus Residens e Natus Furastierus, Nativus Residens e Nativus Furastierus.

La residenzialità (e la furastierità) non sono concetti puramente anagrafici; il Natus può essere Residens in senso anagrafico ma Furastierus in senso culturale; può essere Residens nei giorni feriali e Furastierus nei festivi o viceversa.
Riportiamo in proposito il parere di due eminenti specialisti; secondo Sang’  ‘i Retunne “la divisione concettuale e culturale tra residenzialisti e forestieralisti esiste ed è anche forte, probabilmente più forte di quella secolare esistente tra Fornesi e Ponzaportesi… Sicuramente alla base dell’ecatombe politica isolana”.
Il De Curtis attribuisce invece scarsa valenza ai natali, infatti don Gennaro, ‘u muorto puveriello, ‘u scupatore, così apostrofa il marchese vicino di loculo: “Ma qua’ natali, pasca e ‘pifania! Te vuò mettere ‘ncapa, dint’a cervella, che stai malato ancora ‘e fantasia?”
 .

Per dirimere la spinosa questione e procedere secondo criteri obiettivi e scientifici, sarà affidato un history case al CERN di Ginevra.

 

Bibliografia (a cura della Redazione)

Linnaeus.1758. Book [2]

Totò. 'A livella. 1964. Libro [3]

Venerdì pesce copia [4]

CERN. Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire [5]