Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-32 l-04_0 pg ss03 83 corrida5

Un canto per il giorno di Natale: Ninnu bello

Condividi questo articolo

proposto da Francesco De Luca
Il Bambino Gesù di Praga nel suo altare

 

Dei canti di Natale della nostra tradizione ponzese, per noi, cresciuti sotto l’ala paterna di don Luigi Dies, l’indiscusso autore era lui. C’erano i canti classici e poi c’erano quelli di don Luigi. E invece non è così. E quando mi furono fatti ascoltare su YouTube i canti natalizi di Benevento, rimasi di stucco: c’era pure Ninnu bello.

La singolarità di questo canto, per noi era una chicca unica, anche perché si esprime in dialetto. Poi c’è quel ritmo popolaresco che lo distingue e in più utilizza frasi gergali come: faie pisse pisse ovvero attiri l’attenzione con i bisbigli. Insomma è un canto sui generis e come tale si fa gustare. Ma… non proviene dalla creatività di don Luigi, bensì dalla tradizione campana.

Beh, niente da ridire. Anzi dimostra come il parroco abbia tentato di togliere l’isolamento all’isola, inserendola nella giusta dimensione ambientale.

Non sottolineo la gradevolezza del canto perché nell’ascoltarlo si evidenzia da sé.

Lo ripropongo arrangiato e accompagnato da Tonino Esposito, Nino Picicco, Antonio De Luca.

 

Ascolta qui dal file mp3 e segui le parole

.

.

Ninnu   bello

Ninnu bello peccerillo
ninnu bello peccerillo
mariunciello arrubbacore
Vuo’ ’u mio e teccatillo
vuo’ ’u mio e teccatillo
nun me stà cchiù a ’nquita’

E ninnu bello e ninno d’ammore
ie sulo a te te voglio ama’ (2 volte)

Tu si’ comme ’na muschella
Tu si’ comme ’na muschella
ca va’ttuorno a ’u zuccariello

Ie ’a caccio e essa azzecca
Ie ’a caccio e essa azzecca
nun me stà cchiù a ’nquita’

E ninnu bello e ninno d’ammore
ie sulo a te te voglio ama’ (2 volte)

Tu si’ pigna d’uva doce
Tu si’ pigna d’uva doce
ca ’mbriaca chistu core
Chi l’assaggia se ’nnammora
Chi l’assaggia se ’nnammora
e ’mbriacato ’u siente ’i fa’

E ninnu bello e ninno d’ammore
ie sulo a te te voglio ama’ (2 volte)

E po’ quanno me ne more
E po’ quanno me ne more
tu me chiamme c’a vucchella
Me faie segno c’a manella
Me faie segno c’a manella
“Pisse pisse” – ’u siente ’i fa’

E ninnu bello e ninno d’ammore
ie sulo a te te voglio ama’ (2 volte)

.

Immagine di copertina. Il Bambino Gesù di Praga è una statuetta lignea, ricoperta di cera, conservata all’interno della chiesa di Santa Maria della Vittoria di Praga. L’immagine è oggetto di grande devozione a causa della sua fama miracolosa.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.