Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 20 68 85 88 Astroides calycularis

Cupole isolane

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
La Cupola

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma tu sai niente che pure qua ci stanno le cupole?
Giggino – ’I che scuperta ch’è fatt’! …ccà ce sono sempe state.

SR – Azz’! …e tu ’u sapive e te stive accussì zitto?
Gg Ma pecché, c’è bisogno che t’u dicene, che ccà ce stanne?

SR – Francamente non lo immaginavo e la cosa oltre a sconvolgere me, sta sconvolgendo l’Italia intera.
Gg Nient’i’meno? E se ne sono accuorte mò? Anzi, ’i chisti urdeme tiempe’ se ne vedene sempe ’i meno, ma primma era pieno.

SR – Giggi’, ma questa è una vera disgrazia! …Ora capisco perché qua non si fa mai bene! E per forza! come si fa, con un tale pericolo in testa?
Gg – ’Uagliò, i’ però tutto ’stu pericolo ’nn’u veche. Anzi, secondo me, sotto una cupola si sta meglio: sia d’estate che d’inverno.

SR – Ma cosa dici? Sei impazzito? Le cupole sono il cancro della società, in Sicilia ne hanno impedito lo sviluppo, l’hanno impoverita, l’hanno distrutta…. E quanti morti, una strage!
Gg – Ma tu che dici? I’ nunn’immaginave che gghierene accussì pericolose. Però, secondo me… là, in Sicilia, nunn’i sanne fa’. Accà si nun era p’i cupole steveme ancora ’nd’i’rrotte, comm’all’animale!

SR – Giggi’, ti rendi conto che quello che dici è gravissimo e che potresti essere arrestato?
Gg – Io? Ma si a’ casa mia all’asteco è piatto! Chiuttosto vid’a cas’i màmmete, ca ne tene tre ’i cupole.

SR – Gigginooo… Giggi’ …Ma che cazz’è capito? Io parlo delle cupole mafiose.
Gg – E che so’? …un tipo in plastica?

SR – Mamma mia, e comme stamm’ ‘nguaiati! Po’esse maie che nunn’u’ssai, chegghi ‘na cupola mafiosa?
Gg – Visto ca si tu ’u prufessore, spiegaméll’ tu.

SR – E’ un’organizzazione malavitosa che investe capitali frutto del malaffare, ricattando e sfruttando la gente.
Gg – A sì? Ma so’ d’u Puorte o d’i Fforne?

SR – Ma non si sa! …non si sa nemmeno se ci sono. È per questo che lo chiedevo a te.
Gg – Aggio quas’accapito. Ma famme ’n’esempio, pe’ vedè si n’aggio visto cocchedune.

SR– Per esempio, arriva uno e ti dice: “Se non mi paghi la tangente, mi prendo la casa”.
Gg – Hè voglia! Succede pure cca! Prova a nun paga’ ’a Tasi e l’Irap e vide che fine fa ’a casa toia.

SR – Ma che cazz’è capito? Chelle so’ tasse! …Questo è un ricatto.
Gg – Sarrà, ma sicondo me è ’a stessa cosa. Famm’ n’ato esempio.

SR – Vengono qua e comprano con soldi sporchi.
Gg Azz! Nun se po’ fa’..!?

SR – Nooo! …è severamente vietato, c’è l’arresto!
Gg – Allora ce l’aggia dicere a Austine… Chille mett’a nafta ’ndà curriera e po’ cu chilli mmane ’nzevàte dà ’u rieste a’ ggente e fa chille sorde comm’e ’n’or’i notte.

SR – Ho capito, qua siamo al sicuro. Una tale ignoranza è una barriera certa ed incorruttibile contro ogni forma di organizzazione criminale.
Giggi’, duorme tranquillo, nunn’è succiess’ niente!

Vecchia cartolina di Ponza. I Conti

 

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.