Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0019-019 h-28 v1-18 12 92 tiro-della-barca-in-secco

Come gira il vento

Condividi questo articolo

di Sang’ ‘i Retunne
Banderuola segnavento

 

Si intensifica la caccia al retunno, con incursioni anche nei meandri di Facebook; sinora, però, sulament’ aleghe e chiumm’..!
l. R.

 

SR – Giggì, certo c’a tte chi ti capisce è bbravo.
Gg – E nun’è colpa toia si ’a capa nun t’u porte.

SR – Se se… fai lo spiritoso tu, poi ti metti nei guai e curr’a ddo me.
Gg – Ma ’i che ’uai parli? Io so’ furbo e me la cavo sempre.

SR – È vero, si’ comm’i strunz’, galleggi sempre, ma semp’ strunz’ rimane.
Gg – Vueee! Ma che te si’ sussute struzzellate sta’mmatina? Mò te mann’a ffa…

SR – E tu sule chest’ sai fa. È mai possibile ca ogni volta ca scinn’abbascio ’u puorto cagne posizione a secondo ’i chi hai incontrato?
Gg – Quale cambiamento?… io sempre ’a stessa posizzione dormo: c’u culo ’nfaccia a muglierème.

SR – Parlo della tua posizione politica, no ’ndù liett’. ’Na vota sei contro e ’n’ata vota sei a favore; cu’ te nun se capisce mai niente! Hai un metro di giudizio che a me sfugge.
Gg – Ie m’acconcio ’i fatti miei a secondo della convenienza. Che me ne fott’a mme d’i fatt’i ’llate?

SR – Sappi che quelli che tu chiami “fatt’i ’llate” sono i fatti di tutti, pure i tuoi.
Gg – Ma quand’ maie. Io ch’aggia a che sparte cu’ prevete o cu’ sinneco? Dimme tu a mme?

SR – Se non riesci a capire questo stai proprio ’nguaiato.
Gg – Ma che dici? Famm’o piacere, qua la pensiamo tutti così.

SR – Stamm’a pposta allora! Ascoltando te mi sento di appartenere a una minoranza etnica in via di estinzione. Comunque, mi dici cosa ti ha fatto cambiare ancora pensiero? Eri contro “questi” e mò, di colpo, sei a favore?
Gg – E ch’o dumand’ a ffa? Bast’ ca te ‘uard’attuorno. Per prima cosa la novità della munnezza puort’a puort’.

SR – Si dice porta a porta!
Gg – No no, nunn’ accummenciamm’a cagna’ ’a grammatica: ho detto puort’ a puort’.

SR – E che è ‘sta cosa? Non mi risulta.
Gg – Comme no? Uno scenn’abbasci’u puorto e iett’a munnezza addò capita capita. ’Na vera comodità! …Io ’a vott’ ’a dint’o fenestiell’ d’a macchina ’nd’i’rrote ’i Austine. Di fronte a ’sta ciort’i commodità come non si può essere a favoreggiamento di questi qua?

SR – E certo, le comodità sono queste..! Comunque la raccolta non funziona come dici tu. Verranno gli addetti a raccoglierla per ogni casa. Porta a porta.
Gg Ma quando mai! Chi t’i cconte ’sti storie? Chille pe’ miracule passano tre vote a’ settimana a svaganta’ i bidune, figurete si vènen’a casa. E po’ a’ casa ’i chi? Ccà nun c’è rimasto chiù nisciune.

SR – E dimmi qualche altro elemento che ti ha fatto cambiare idea.
Gg – Uggiesù! A’lluminazione ’i Natale. ’Na cosa grandiosa!

SR – Ma se l’hanno sempre fatta. Che dici?
Gg – Sì è vero, ma questi, visto ’i sorde ch’anno spise, sicuramente faranno “Natale tutto l’anno” cu’ l’illuminazione semp’ appicciata, accussì nun ce rumpimmo chiù ’i ccorne ’nd’a scuratromba d’i scale.

SR – Lasciano le luci di Natale pure d’estate?
Gg – Essì, accussì Babbo Natale arriva cull’aliscafo invece che c’a slitta e vene quando ce sta a ggente e se po sfuga’ a fa’ i regali. Però, sia chiaro, adda paga’ ’u biglietto ’i 200 euro e ’a tassa ’i sbarco. ’A legalità è legalità, nun’ è acqua ’i mare. 

Venerdì pesce

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.