Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

polina-02 ss-21 o-02 giuseppe-vitiello-che-fa-le-nasse hydravion2 la-spianata-della-galite

La stazione marittima di Ponza finisce in Parlamento

Condividi questo articolo

a cura della Redazione
Ponza. Molo d'imbarco

 

Riprendiamo dal giornale on-line www.h24notizie.com un articolo del 6 dicembre 2014 a firma Clemente Pistilli sull’abbattimento della stazione marittima sulla banchina commerciale di Ponza.
Per l’abbattimento del fabbricato sarebbero stati stanziati nel bilancio di previsione del Comune, per l’anno 2014, ben 200.000 €.
Possibile che non si riesca a risolvere la questione e trovare un accordo – tra le parti coinvolte nel contenzioso – utile ad evitare l’abbattimento?
L.R.
Traghetto Ponza. Banchine

 

Il traghetto in fase di attracco. La Stazione marittima è visibile sulla parte in basso a destra della foto.
Nella foto a inizio articolo si vede invece la pianta della Stazione dall’alto

Ecco l’articolo citato:

Il caso della stazione marittima di Ponza è finito in Parlamento. La famiglia Tagliamonte, a cui l’immobile è stato costruito a pochi metri da casa, non ha ancora visto traccia del risarcimento promesso e il deputato Achille Totaro, di Fratelli d’Italia, ha presentato un’interrogazione ai ministri dell’economia, Pier Carlo Padoan, e delle infrastrutture, Maurizio Lupi.

La stazione marittima in via Banchina Nuova, realizzata con fondi del Demanio e di proprietà dello stesso, venne costruita in base a un progetto fatto fare dal Comune durante la consiliatura Porzio. L’immobile è però stato realizzato troppo vicino alla proprietà dei Tagliamonte, originari di Ponza e residenti in Toscana. E quest’ultimi hanno fatto ricorso. Il Consiglio di Stato ha disposto l’abbattimento della stazione marittima.

Il sindaco Piero Vigorelli si trova ora nella difficile situazione che dovrebbe demolire, ma se lo fa, come preannunciato dal Demanio, gli verrà contestato il danno erariale. Il Comune aveva alla fine raggiunto con i Tagliamonte un accordo per un risarcimento da parte del Demanio di 50.000 euro e il riconoscimento, sempre da parte del Demanio, della concessione in uso ventennale, con possibilità di rinnovo e di subaffitto, di tre locali della stazione marittima.
Promesse rimaste tali. Totaro ha così sollevato il problema a Montecitorio.

 

Leggi qui il .pdf dell’articolo su www.24hnotizie.com: La stazione marittima di Ponza finisce in Parlamento

 

Articoli precedenti sul sito riguardo la Stazione marittima:

– di Michele Rispoli, del 27 apr. 2013 (leggi qui)

– di Vincenzo Ambrosino, nell’intervista l’Assessore al Bilancio Franco Ambrosino, del 22 febbr. 2014 (leggi qui)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.