Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-25 2009-07-19_12-33-04 i-24 v4-3 30-07-2005-19-31-11_0003 m2-11

Bella Anni’

Condividi questo articolo

proposto dalla Redazione
Anna Magnani

 

“Ce metti ’na vita intera pe’ piacerti, e poi, arrivi alla fine e te rendi conto che sì… te piaci! Ma te piaci pecché sei tu, e pecché pe’ piacerti c’hai messo ’na vita intera: ’a tua.
Ce metti ’na vita intera pe’ accorgerti che a chi dovevi piace’, sei piaciuta… e a chi no… beh! mejo così. Anche se lo ammetto, è più raro trova’ n’omo a cui piaci, che te piace, che becca’ uno ricco sfonnato a Porta Portese!
Ce metti ’na vita pe’ contà i difetti e ridecce sopra, perché so’ belli, perché so li tua. Perché senza tutti quei difetti… e chi saresti? Nessuno.
Quante volte me so’ guardata allo specchio e me so’ vista brutta, terificante.
Co’ ’sto nasone, co’ ’sti zigomi e tutto il resto. E quando la gente me diceva pe’ strada – “Bella Anni’! Anvedi quanto sei bona!” – io nun capivo e tra me e me pensavo “Bella de che?”. 
Eppure, dopo tanti anni l’ho capiti.
C’ho messo ’na vita intera pe’ piacemme.
E adesso, quanno me sento di’: “Bella Anni’, quanto sei bona!”, ce rido sopra come ’na matta e ’o dico forte, senza vergognamme, ad alta voce “Anvedi a ’sto cecato!”.

[Anna Magnani, 1908-1973]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.