Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-36 i-24 u-25 e-12 ss20 ss25

Ponza come Matera: la casa grotta

Condividi questo articolo

di Domenico Musco
Palmarola. Spiaggia grande e case-grotte dallo scoglio di S. Silverio

 

Vorrei, insieme a chi mi legge, ripensare alla recente puntata di Linea Blu, andata in onda lo scorso 11 ottobre, che ha trattato, tra gli altri, l’argomento di Palmarola e delle sue case grotta.

È noto che la casa grotta è stata la prima struttura abitativa dei nostri antenati. Infatti, appena arrivati sull’isola, scavarono la roccia più tenera per creare, con tanto sudore della fronte, le prime case grotta nelle quali trovare riparo.
Solo successivamente questi rifugi rudimentali vennero trasformati in case, prima costruendo la facciata con una parete, poi, con il tempo e un po’ di soldi, si poggiarono le pareti laterali, mentre la montagna fungeva da parete posteriore.
In tempi più recenti si sono demolite le pareti attaccate alla montagna e spesso anche le grotte stesse, perché l’umidità era talmente forte che risultava impossibile viverci.

Palmarola la parete con le case grotta

Se la memoria non m’ inganna, a Palmarola, ai faraglioni e al Fieno sono rimasti gli unici nuclei abitativi di un tempo, a testimonianza del nostro passato che è il vero patrimonio storico di Ponza.

Di grotte nell’isola ve ne sono ancora, disperse come sono nei nuclei abitativi di Le Forna, a Ponza centro nonché in campagna, tra la moltitudine di catene (i terrazzamenti
tipici di Ponza) che caratterizzano la nostra terra.

Ma il mio ragionamento è questo: occorre creare un’idea comune sull’importanza storica della casa grotta, fare un censimento e proteggere le stesse case come ha fatto Matera con i suoi ‘sassi’. Questo per far capire a tutti, non mi riferisco ai Ponzesi ma agli organi dello Stato, che la grotta è grotta e deve avere solo i requisiti inerenti la grotta; anche le attività commerciali, che si svolgono in edifici grotta, dovrebbero avere una qualche deroga alle leggi attuali e farle sussistere nella loro destinazione come grotte e null’altro!

Matera. Case Grotta

Mi spiego meglio: la grotta è parte integrante della nostra storia e come tale dobbiamo difenderla; ha avuto in passato funzione di casa o di deposito o di bottega, e ancora oggi tale funzione deve essere garantita, come accade a Matera, senza più sentir dire che una grotta non ha i requisiti previsti dalle leggi attuali e quindi deve scomparire e non c’è niente da fare.

Se riuscissimo a ragionare come squadra, che ha in mente un unico obbiettivo, quale il mantenere integra l’originalità dell’isola, scansando come peste bubbonica i guasti della globalizzazione galoppante, faremmo della nostra isola un vero gioiello, che brilli contro l’appiattimento generale di modelli standardizzati in cui nulla fa più la differenza.

Case grotta a Frontone

Condividi questo articolo

1 commento per Ponza come Matera: la casa grotta

  • Perché no, protezione integrale delle case grotte come dell’ecosistema marino e terrestre, ma come conciliare lo spirito di conservazione, valorizzazione, protezione integrale con lo spirito, chiamiamolo, del laissez-faire dei ponzesi? La Luisa per esempio, si meravigliava dell’enorme presenza di infissi di plastica proprio nelle case grotte, Biagio giustamente ribadiva, “ma quegli infissi sono presenti da una vita” e infatti giustamente perché scandalizzarsi, dopotutto le porte di legno costano care e non ci sono falegnami e poi il legno ha bisogno di molta manutenzione; anche a Matera – ci raccontò Carlo Levi “gli abitanti erano aumentati in maniera esponenziale e la pastorizia era in declino: sulle case nella roccia erano stati sopraelevati più piani, erano spariti gli orti e i giardini pensili, e le cisterne erano state riadattate a monolocali in cui intere famiglie convivevano con muli e pecore in condizioni igieniche estremamente precarie”.
    Ma caro Domenico il tuo è una idea tattica o un progetto? Se è un progetto bisognerebbe riscrivere quale era la funzione storica antropologica della casa grotta di Palmarola, che coerentemente andrebbe recuperata. Ma poi bisognerebbe chiedersi: è conciliabile in una tale zona, la presenza di una pista di atterraggio per elicotteri? Qualcuno alcuni anni fa voleva costruire una funicolare, tali progetti alcuni realizzati, alcuni pensati dagli amanti esclusivi di Palmarole sono compatibili con il tuo progetto?

Devi essere collegato per poter inserire un commento.