Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-17 paolo-02 u-34 fl-01 a-monte sl372222

Strani incontri che arricchiscono

Condividi questo articolo
di Sandro Vitiello (Alessandro)

 

Come qualcuno sa non sono un frequentatore abituale di chiese e monasteri ma forse faccio male.
Viviamo tempi strani o forse sto invecchiando.

Sta di fatto che una cara amica mi ha raccontato di alcune monache benedettine che avevano trovato dimora -partendo da un convento in quel di Trieste- a Montecassino dove avevano rimesso in piedi una struttura abbandonata da diversi anni, un chilometro sotto all’abbazia.

Suore. Sulla scala

Dopo aver detto tante volte “ci vado” alla fine ci sono riuscito: a Giugno di quest’anno in strada verso Ponza insieme ad amici, abbiamo fatto una deviazione.

Appena usciti dall’autostrada a Cassino siamo saliti verso la montagna, teatro di una battaglia terribile durante la seconda guerra mondiale.
Ci aspettava un piccolo gruppo di monache nel cortile di una costruzione attaccata al fianco della montagna che domina la città di Cassino e la sua valle.

Suore Bobcat. 4

Mi ha colpito la semplicità di queste donne, il loro vivere la fede con grande forza ma anche con la convinzione di capire il tempo in cui viviamo.
Capire ed essere partecipi.

Aprono le porte del loro mondo: sono Benedettine e pur vivendo la separazione propria della Regola di San Benedetto vivono con l’ospitalità e condividono volentieri il poco che hanno e, mentre raccontano le loro esperienze di vita, ascoltano con interesse i ragionamenti di chi va a trovarle.

Sono anche loro espressione di questo nuovo modo di essere della chiesa che ha trovato grande impulso con Papa Francesco.

Suore 2. Raccolta frutta

Non sono solo donne di fede; vivono la regola di san Benedetto nel senso più pieno.
“Ora et labora et lege” – prega, lavora e studia – non è una frase vuota per loro: è un pilastro su cui costruire il loro impegno quotidiano.

Dalle loro mani escono dei biscotti di grande qualità, molto buoni e con un sapore che evoca ricordi di un tempo passato.
C’è qualcosa in più nei loro dolci. Oltre ad essere fatti con grande professionalità c’è un pezzo del loro mondo nel sapore di quei biscotti.

Sono molto discrete nel proporre i loro buoni prodotti anche se hanno fatto tutto quello che serve per poterli vendere rispettando le leggi.
Hanno anche un sito internet dove poter vedere le confezioni dei loro prodotti e dove poter acquistare direttamente.
http://deliziedelchiostro.spenki.it/    mail: santamariadellarupe@gmail.com

suore 7 biscotti

Vale la pena darci un occhio e casomai farsi prendere dalla voglia di regalarsi qualche pacchetto di quei buoni biscotti.
Sono soldi spesi bene: perchè i biscotti sono buoni e perchè quelle monache meritano la nostra attenzione.

Suore 3. Crocefisso
Ps: siamo ritornati anche in Agosto a Santa Maria della Rupe, rimanendovi una notte e visitando la mattina successiva l’abbazia di Montecassino. Un’esperienza che arricchisce.

Residenza 5

In condivisione con: http://lacasadeisacco.blogspot.it/

Cisterna Abbazia di Montecassino

Abbazia Montecassino

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.