Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-16_18-58-30 h-32 k2-19 v4-4 ss19 stradina

Ogni mullata è perza

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i retunne
Il segreto di Giggino

 

Assuntina – E’ visto a chillu sfaticato ’i Giggino?       
Sang’ ’i retunne – Madonn’ Assunti’ e mittece ’nu guinzaglio! ’U pierde sempe?

As – Chillu piezze ’i curnuto… ogni tant’ scumpare, e che fa ’u sape sul’isso.
Sr – Vedrai che sarà impegnato in qualche sua occupazione stagionale.

As – Ma qua’ staggionale, mò è vierno! …vulesse proprie vede’ che sta cumbinann’!
Sr – Lo so che non è estate, ma durante questo periodo c’è anche altro da fare, no?

As – Ah sì? E che cosa? Turist’ ’nce ne stanno, i bar so’ tutti chiusi, ’i spiagge so’ aperte ma deserte, a’ chiesa nun ce va sinnò se mena ’ngapa, p’a via fa fridde… Addò cazz’ va ’stu cristian’?
Sr – Sarà andato a caccia?

As – Macché! …ci’aggio smuntato ’u fucile piezze piezze e l’aggio atterrato ’ndu ciardine. E mò ’u trova!
Sr – Fosse partute?

As – Nemmeno. Ho fatto il giro delle biglietterie, non l’hanno proprio visto. Chist’ s’è squagliato.
Sr – Allora mi fai preoccupare, bisogna iniziare le ricerche.

As – Ie sper’ a isso che è cadut’ a ’ngopp’ abbascio o s’è accise ‘a cocc’ parte, pecché si l’acchiapp’ cu’ cocc’ femmena, l’accìd’ io!
Sr – Mado’ Assunti’, ’i chisti tiempe, addò stann’ ’sti femmene! …cca è ’nu desert’!

As – Ce stann’, ce stann’… Chell’ nun mancano mai!

Qualche ora dopo

Sr – Giggi’ tu cca staie? Muglièrete te sta cercanno pe’ tutte parte.
Gg – Ma che vvo’ ’a me …me lev’all’ aria, nun ci’a facci cchiù!

Sr – Ma ch’è fatt’? …addò stive?
Gg – Prufessò, io ogni tanto aggie bisogno dei miei svaghi… aggia gude’.

Sr – Vabbè, ma avverti almeno no?
Gg – Non si può, non si può…. Chiste me secciano e cierti ccose nun se ponne dicere.

Sr – Ma nun te miette scuorne ’i abbanduna’ a muglièrete pe’ ghi a t’a spassa’ chissà addò?
Gg – Ma addò? I’ cca stong’, mica vang’ a’ Merica o in Romania.

Sr – Ma come mai questa tua necessità impellente? Muglièrete nun t’abbasta?
Gg – Siente ’uagliò, ie quann’allaggie ’na tuccata me sento ’nu ddie, ’u sangue m’arriva i cervell’ e nun accapische cchiù niente, ’u core s’ampazzisce e i cosce me tremmeno. M’hanno ditte ca cagne pure faccia.

Sr – Madonna mia, a chest’ si’ arrivato?
Gg – A’iere ’a bellezza ’i vinte (20!) toccatine! Mi so’ ’ngrifato comme ’nu pazz’ e aggie fatt’ ’na stragge. Che meraviglia, che soddisfazione, tutt’ai miei piedi.

Sr – Bruttu puorco fetente ca nun si’ ate! …chest’ vai facenn’ ’a notte invece ’i te ne ‘i a’ casa?
Gg – Chiàmmeme comme vuo’ tu, ma i’ a’nnanz’ a ’na pescate a calamare me ne strafotte ’i te, ’i muglièrème e ’i tutte all’uocchie sicche comm’e vuie!
’Uagliò, quanne se pesca se pesca …e ogni mullata è perza.   

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.